L’Oversight Board decide se Trump tornerà o meno sui social chiedendo il parere degli utenti

La supergiuria di Facebook domanda esplicitamente agli utenti di dire la propria sul blocco dei social di Trump

01/02/2021 di Ilaria Roncone

Chiedi agli utenti: questa l’operazione che l’Oversight Board Facebook sta facendo per capire se riammettere o meno Donald Trump su Facebook e Instagram. Tutti gli utenti che vogliano dire la propria in merito alla questione possono compilare il form apposito e inoltrare le risposte come da istruzioni. Il Board dà la possibilità agli utenti di rispondere a una serie di domande sul blocco dei social di Trump dopo i fatti di Capitol Hill entro l’8 febbraio prima di prendere la decisione definitiva sulle modalità e le tempistiche di riammissione dell’ex presidente degli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE >>> Chi fa parte della supergiuria che deciderà se Trump tornerà su Facebook o no

Oversight Board Facebook chiede il parere degli utenti

La decisione dell’Oversight Board di Facebook potrebbe quindi anche dipendere dal parere degli utenti. Il caso Trump, che ora è sotto esame della supergiuria indipendente da Facebook, costituirà sicuramente il precedente sul quale – in futuro – si baseranno le decisioni di questo tipo. La questione è quanto e in che modo un’azienda privata come Facebook dovrebbe avere potere di influenzare così tanto le dinamiche degli Stati Uniti, in questo caso specifico, e del mondo. Il compito del Board, quindi, è quello di analizzare e venire a capo delle decisioni più complesse in merito alla moderazione dei social partendo da Trump e chiedendo – in questo caso specifico – il parere degli utenti e la situazione guardata dal loro punto di vista.

Cosa chiede L’Oversight Board agli utenti

sono due i punti cruciali: il primo è se Facebook ha rispettato le sue politiche aziendali e la libertà di espressione e diritti umani nel caso specifico; il secondo è un suggerimento su come, in futuro, queste questioni dovrebbero essere affrontate qualora si ripresentassero. Tutti i contributi che arriveranno verranno utilizzati dall’organismo di vigilanza per capire come gli utenti vedono gli standard dell’azienda e l’influenza che Facebook – e i social network in generale – possono avere in ambito politico. Chiunque volesse dire la propria deve farlo compilando l’apposito form in lingua inglese e attenendosi alla lunghezza massima consentita, ovvero due pagine.

Share this article