Sinisa Mihajlovic ricoverato a Bologna

di Enzo Boldi | 27/01/2020

Mihajlovic
  • Il tecnico del Bologna ricoverato questa mattina a Bologna

  • Terapia antivirale per Sinisa Mihajlovic

  • Il tutto necessario per via del trapianto di midollo osseo

Non sembra esserci nulla di preoccupante dietro il nuovo ricovero di Sinisa Mihajlovic. L’allenatore del Bologna sta per essere sottoposto a una terapia antivirale che, in alcuni casi, si rende necessaria dopo aver subito un trapianto di midollo osseo. La sua degenza, come si legge nel comunicato stampa diffuso dall’Ospedale Sant’Orsola, dovrebbe essere più breve rispetto alle precedenti. La notizia è stata diffusa da Il Resto del Carlino.

LEGGI ANCHE > La bellissima risposta di Bonaccini a Mihajlovic che sostiene la Lega alle elezioni in Emilia Romagna

«Il signor Mihajlovic è stato ricoverato questa mattina all’Istituto di Ematologia Seràgnoli per essere sottoposto ad una terapia antivirale che può rendersi necessaria, come nel caso in oggetto, dopo il trapianto di midollo osseo da donatore – si legge nel comunicato diffuso dall’Ospedela Sant’Orsola di Bologna -. I sanitari ritengono che la durata della degenza ospedaliera dovrebbe essere più breve di quella dei precedenti ricoveri».

Sinisa Mihajlovic ricoverato al Sant’Orsola di Bologna

In attesa di ulteriori notizie sul suo stato di salute, Sinisa Mihajlovic dovrà tornare a rimanere lontano dai campi da gioco per un po’ di tempo. Si parla di alcune settimane, per tutelare la sua convalescenza. La situazione resta, come per tutti i malati di leucemia (nonostante il dichiarato successo della terapia e del trapianto di midollo osseo ricevuto lo scorso 26 ottobre), delicata.

La terapia antivirale e il trapianto di midollo osseo

I tifosi del Bologna (e tutti i fan e sostenitori che da mesi lo accompagnano in questa sua battaglia) sono in attesa che il guerriero torni a bordocampo e a dirigere gli allenamenti dei rossoblu. La terapia antivirale a cui sarà sottoposto è di prassi, ma non viene effettuata su tutte le persone affette da leucemia e che hanno subito un trapianto di midollo osseo.

(foto di copertina: commons di Wikipedia)