Vittorio Feltri ‘denuncia’ Repubblica per il titolo «Cancellare Salvini»

di Enzo Boldi | 16/01/2020

Libero denuncia Repubblica

Dopo varie querele ricevute nel corso degli anni per titoli discutibili, il quotidiano di Vittorio Feltri ha deciso di passare al contrattacco. Libero denuncia Repubblica al consiglio di disciplina dell’Ordine dei Giornalisti per il titolo che campeggiava in prima pagina nell’edizione del 15 gennaio 2020: «Cancellare Salvini». Nel mirino c’è il ‘trattamento’ riservato al suo giornale nel corso degli anni, più volte finito nel mirino per alcune scelte non esattamente in linea con in principi deontologici della professione.

LEGGI ANCHE > Repubblica prova a spiegare a Salvini il significato del titolo «Cancellare Salvini»

«Cari colleghi dell’Ordine, stamane il quotidiano Repubblica reca in prima pagina il seguente titolone di apertura: ‘Cancellare Salvini’. Non credo che l’intenzione del titolista fosse quella di cancellare con la gomma il capo della Lega. È una frase minacciosa che incita al linciaggio – scrive Vittorio Feltri nel suo editoriale di oggi -. Cosa sarebbe successo se Libero avesse scritto a caratteri cubitali: ‘Cancellare Segre’? Segnalo a voi, che non leggete i giornali ma processate i giornalisti politicamente scorretti, questa perla democratica e antifascista. Sono curioso di vedere se sanzionerete Carlo Verdelli che pure è un direttore stimabile».

Libero denuncia Repubblica per il titolo «Cancellare Salvini»

L’esordio dell’editoriale, in cui Vittorio Feltri annuncia che Libero denuncia Repubblica, è la lettera inviata dallo stesso direttore all’Ordine dei Giornalisti. E nel suo articolo attacca Carlo Verdelli e l’organo che rappresenta la categoria che in passato, come per il caso (tra i tanti) del titolo ‘Patata Bollente’ riferito a Virginia Raggi, ha multato il quotidiano da lui diretto.

Le spiegazioni di Verdelli

Dopo il comunicato pubblicato ieri pomeriggio, questa mattina è stato Carlo Verdelli – nel ruolo di direttore de La Repubblica – che ha replicato con un editoriale in cui ribadisce il senso di quel titolo, sottolineando come sia stata una sintesi del pensiero di Delrio: «Matteo Salvini sa leggere. Ieri ha letto Repubblica e ha capito benissimo il senso del titolo di prima pagina. D’altronde, non era difficile. Sotto un occhiello arancione bello grosso, “Immigrazione”, la scritta “Cancellare Salvini” era la sintesi di un’intervista al capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio sul tema delle politiche migratorie, a partire dai decreti sicurezza pretesi proprio dalla Lega».

(foto di copertina: da prima pagina de La Repubblica del 15 gennaio 2020 + editoriale di Vittorio Feltri su Libero del 16 gennaio 2020)