Laura Boldrini partecipa alla più grande alleanza mondiale per i diritti delle donne

di Redazione | 04/06/2019

Laura Boldrini
  • Laura Boldrini sarà l'unica donna a partecipare alla Women Deliver Conference 2019

  • Sarà la più grande alleanza al mondo sui diritti delle donne

  • La manifestazione è in corso di svolgimento in Canada dal 3 al 6 giugno

Si tratta della più grande alleanza a livello globale per i diritti delle donne. Il Parlamentarians’ Forum all’interno della Women Deliver Conference 2019 che si sta svolgendo dal 3 al 6 giugno vedrà tra i partecipanti, unica italiana, Laura Boldrini. La deputata interverrà per offrire la sua testimonianza all’assemblea che avrà tra i suoi partecipanti le personalità più importanti che, a livello globale, si battono per i diritti delle donne.

LEGGI ANCHE > Laura Boldrini: «Per cambiare l’Europa abbiamo bisogno di donne al potere» | VIDEO

Laura Boldrini unica italiana alla Women Deliver Conference 2019

Al centro dell’assemblea ci sarà il tema dell’uguaglianza di genere: soltanto attraverso questo passaggio, il diritto al potere su se stessi e sul proprio futuro si potrà esercitare in maniera convinta.
Al centro delle richieste di cambiamento strutturale a livello, l’assemblea mette al centro la necessità di un mondo più equilibrato e uguale, il potere delle persone, il potere del cambiamento.
La responsabilizzazione delle ragazze e delle donne giova a tutti; può trasformare le vite, cambiare il mondo e alimentare un progresso reale e sostenibile.

Gli altri interventi alla Women Deliver Conference

A discutere di queste tematiche ci sono almeno 8000 persone provenienti da 160 Paesi del mondo: si tratta di leader politici, parlamentari, attivisti, accademici, giornalisti, rappresentanti di associazioni di donne. Insieme discuteranno dell’attuale situazione della donna nel mondo, di come si può migliorare la sua condizione e di come possa tornare a essere protagonista delle decisioni che vengono prese in tutto il pianeta.

L’alleanza tra le donne che partecipano alla conferenza sarà un punto di partenza per costruire un dibattito ancora più articolato sui diritti umani, sulla salute e sullo sviluppo. Alla conferenza, oltre al presidente canadese Justin Trudeau, parteciperanno Tina Tchen (ex capo dello staff di Michelle Obama), il presidente della Repubblica Federale d’Etiopia Sahle-Work Zewde e Ziauddin Yousafzai, cofondatore della Malala Fund.