Chi è Emiliano Sala, l’attaccante che sognava di diventare Batistuta e che Mancini voleva in nazionale

di Gianmichele Laino | 22/01/2019

Emiliano Sala chi è
  • Emiliano Sala è il calciatore italo-argentino scomparso sul canale della Manica

  • Goleador del Nantes, era appena stato acquistato dal Cardiff City

  • Roberto Mancini aveva pensato a lui come prossimo attaccante della nazionale italiana

Emiliano Sala aveva appena chiuso uno dei contratti che potevano dare una svolta alla sua carriera. Attaccante argentino esploso in Francia, da qualche giorno era diventato di proprietà del Cardiff City, la squadra gallese che milita in Premier League. Sognando l’Inghilterra e, chissà, la nazionale italiana.

Emiliano Sala chi è il calciatore scomparso nella Manica

Classe 1990 (età 29 anni), Emiliano Sala ha i nonni italiani. Furono loro a partire per l’Argentina, dove l’attaccante è nato. Attaccante di Progreso, iniziò la sua carriera ispirandosi in maniera dichiarata a Gabriel Omar Batistuta. Del centravanti di Fiorentina e Roma, Sala aveva sempre una foto con sé. Anche quando arrivò in Europa, per provare le sue prime esperienze nel calcio che conta.

Tentò anche la strada di alcuni club minori in Italia, ma per lui le porte si chiusero ancora prima di avere una chance. Gli osservatori non lo consideravano maturi per il nostro calcio professionistico. E allora, Emiliano Sala si prese la sua rivincita in Francia. Di proprietà del Bordeaux, fece un giro di prestiti a inizio carriera. La squadra della sua esplosione fu il Caen, affacciata su quel canale della Manica dove l’aereo che doveva portarlo in Inghilterra è scomparso dai radar.

Il sogno di Emiliano Sala: diventare attaccante della nazionale italiana

Da lì, poi, al Nantes che, negli ultimi tempi, è stato anche di Claudio Ranieri. Le stagioni dal 2016 al gennaio 2019 sono state quelle della sua consacrazione. Capace di mettere a segno 46 gol in 116 presenze, per diverso tempo (e con una squadra diversa alle spalle), Emiliano Sala è stato in grado di contendere a Kylian Mbappé lo scettro di attaccante più prolifico del campionato francese.

Per questo motivo, nonostante la sua età piuttosto avanzata, l’attaccante della nazionale italiana Roberto Mancini aveva iniziato a farci un pensierino per la sua formazione tipo. La naturalizzazione non sarebbe stata un problema e diversi altri emigrati di seconda generazione lo hanno dimostrato. Non ultimo, la mezz’ala Vincenzo Grifo, con il quale Emiliano Sala sembrava dover condividere il destino. All’Italia mancava un bomber ed Emiliano Sala era pronto alla chiamata: mai preso in considerazione dalla nazionale argentina, infatti, l’attaccante del Nantes (passato al Cardiff soltanto da qualche ora) sognava l’azzurro.

Emanuele Sala, 12 gol in 19 partite di Ligue 1 solo in questa stagione, era stato ceduto al club gallese per 17 milioni di euro più 2 di bonus. Non un trasferimento di poco conto, che aveva infiammato il mercato di riparazione sull’asse Francia-Inghilterra.

(Credit Image: © Nolwenn Le Gouic/Bildbyran via ZUMA Wire)