La Lega approfitta dell’assenza dei senatori in missione antimafia per fare il bello e il cattivo tempo sul caso Gregoretti

di Redazione | 13/01/2020

caso Gregoretti
  • La giunta immunità deve decidere il calendario del voto sul caso Gregoretti

  • Approfittando di assenze istituzionali in maggioranza, il centrodestra fa un colpo di mano

  • E il presidente della Giunta Gasparri tira dritto

La giunta per le immunità del Senato, che dovrà decidere quando calendarizzare il voto sulla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini sul caso Gregoretti, è presieduta da Maurizio Gasparri e ha una composizione molto equilibrata, tra maggioranza e opposizione. Va da sé che l’assenza di alcuni membri dell’uno o dell’altro schieramento possa essere decisiva per l’esito finale di un passaggio che ha un grande significato politico.

LEGGI ANCHE > La storia di Salvini che rischia il processo sulla Gregoretti per la violazione del decreto Salvini

Caso Gregoretti, il centrodestra orienta il calendario della giunta immunità

Nella giornata di oggi, ad esempio, senatori di maggioranza e senatori di opposizione erano nello stesso numero, 10 a 10. Per questo, Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia sono riusciti a impedire la richiesta, da parte dei senatori della maggioranza, di documenti per certificare lo stato di salute a bordo dei 131 migranti. Documenti essenziali per stabilire ulteriori responsabilità nel mancato sbarco di fine luglio 2019.

La maggioranza, provata e piccata da questo comportamento, ha deciso di abbandonare la riunione. Anche perché domani è prevista un’altra giornata campale. Di fatto, il centrodestra – approfittando delle assenze di Pietro Grasso di LeU e di Mario Giarrusso del M5S, entrambi impegnati in missione istituzionale per la commissione antimafia – sta cercando di orientare il dibattito sulla nave Gregoretti.

Le proteste della maggioranza sul caso Gregoretti

E ha deciso di calendarizzare per domani, 14 gennaio, il voto sull’eventuale rinvio della richiesta di autorizzazione a procedere, previsto a Palazzo Madama per il prossimo 20 gennaio. La maggioranza vorrebbe uno slittamento all’indomani delle elezioni in Emilia-Romagna e in Calabria, visto che qualsiasi esito della votazione potrebbe andare a influenzare il voto nelle due regioni, magari rafforzando anche la corsa di Matteo Salvini. Invece, il centrodestra – con Gasparri in testa – opterebbe per la conferma della data del 20 gennaio.

Inevitabili le proteste della maggioranza, per quello che viene considerato un colpo di mano. «Hanno approfittato delle assenze di Grasso e Giarrusso – fanno sapere i senatori della maggioranza -, non era mai successo che venissero negati dei documenti fondamentali per l’esito della votazione». Intanto, il centrodestra, forte dei numeri in giunta per le immunità, tira dritto e continua il proprio iter.