La storia di Salvini che rischia il processo per violazione del decreto Salvini

di Gianmichele Laino | 19/12/2019

decreto sicurezza
  • Il tribunale dei ministri ha chiesto l'autorizzazione a procedere per Salvini sul caso della nave Gregoretti

  • In quella circostanza, per quattro giorni, furono bloccati a bordo 131 migranti

  • Ma è un naviglio militare che il decreto sicurezza esclude dalle limitazioni di sbarco

Non è un caso se i cosiddetti decreti sicurezza possono essere considerati la bandiera dell’azione di governo (molto breve, in verità) di Matteo Salvini. Decreto sicurezza e decreto sicurezza-bis sono stati  varati in due momenti cruciali del governo giallo-verde. Soprattutto il bis, infatti, è diventato legge il 5 agosto 2019, qualche ora prima che lo stesso leader della Lega facesse cadere il governo.

LEGGI ANCHE > Caso nave Gregoretti, il tribunale dei ministri chiede l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini

Il caso della nave Gregoretti che ha violato il decreto sicurezza

Stando a quest’ultimo decreto, che è stato varato il 14 giugno 2019 e che – in quanto decreto legge – era operativo già dopo il via libera del Consiglio dei Ministri, prima della conversione in legge avvenuta a inizio agosto, «il Ministro della difesa e con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e informato il Presidente del Consiglio possono limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale, salvo che si tratti di naviglio militare o di navi in servizio governativo non commerciale».

Nella giornata del 17 dicembre, si è avuta notizia – attraverso lo stesso Matteo Salvini ospite della trasmissione di Mario Giordano – della richiesta dell’autorizzazione a procedere nei confronti del leader della Lega per il caso della nave della Guardia Costiera «Gregoretti», dopo che il collegio formato da Nicola La Mantia, Sandra Levanti e Roberto Corda ha rigettato la richiesta di archiviazione del procuratore Carmelo Zuccaro, chiedendo al Parlamento l’autorizzazione a procedere per un’indagine su Matteo Salvini. Questa volta, però, non finirà probabilmente come nel caso della nave Diciotti, quando l’allora maggioranza giallo-verde salvò l’ex ministro dell’Interno dalla procedura giudiziaria. Infatti, Luigi Di Maio ha fatto sapere che il Movimento 5 Stelle voterà a favore dell’autorizzazione a procedere.

L’aspetto grottesco del decreto sicurezza

La cosa grottesca è che la nave Gregoretti, essendo un mezzo della guardia costiera, può considerarsi a tutti gli effetti un ‘naviglio militare’. Il suo blocco con 131 migranti a bordo nel periodo compreso tra il 27 luglio e il 31 luglio, dunque, potrebbe non essere stato legittimo proprio in virtù dell’indicazione contenuta all’articolo 1-ter del decreto sicurezza-bis. Una vera beffa per Matteo Salvini che rischia il processo per una norma scritta da lui.

FOTO: ANSA/ANGELO CARCONI