L’annuncio del ministro Boccia: «Covid Hotel in ogni provincia per svuotare gli ospedali»

Oltre all'inasprimento delle misure restrittive a livello locale il governo vuole istituire Covid H

12/11/2020 di Ilaria Roncone

Covid Hotel

Dalla riunione del ministro degli Affari regionali Francesco Boccia con i governatori arriva l’annuncio: «Covid Hotel in ogni provincia per svuotare gli ospedali». Non solo nuove restrizioni su base regionale – in particolare per Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia – quindi, ma anche un aiuto concreto da parte del governo per ogni provincia allo scopo di «svuotare gli ospedali dando posto a contagiati non sintomatici e con condizioni sociali non idonee a fare quarantena a casa».

LEGGI ANCHE >>> Bassetti ammette: «Le previsioni, anche quelle che ho fatto io, si sono rivelate sbagliate» | VIDEO

Covid Hotel e strutture militari per isolare i contagiati

Sono due gli imperativi: alleggerire la pressione sulle strutture ospedaliere e isolare quelli che risultano positivi e che non possono vivere il periodo di quarantena necessario per negativizzarsi in condizioni adeguate. Bisogna liberare i posti in ospedale occupati attualmente da quelle persone che, pur stando bene a livello di sintomi, non hanno ancora avuto un risultato negativo dal tampone. Il ministro degli Affari regionali fa sapere anche che ci sarà la possibilità di utilizzare le strutture militari.

Spiraglio di luce per i contagi, rimane critica la situazione negli ospedali

I dati coronavirus degli ultimi giorni hanno evidenziato un aumento costante di nuovi casi e sembra che la curva epidemiologica stia procedendo con andamento piatto. Alcuni, timidi segnali di miglioramento ci sono in tal senso ma se si guarda al numero dei morti – che oggi è cresciuto ulteriormente arrivando ad essere alto quanto quello che registrammo il 6 aprile – e dei ricoveri la pressione sugli ospedali e nei reparti di terapia intensiva continua ad aumentare in maniera costante e occorre trovare il modo di svuotare le corsie. Si aspettano, oltre ai provvedimenti già presi, nuove misure restrittive in questi giorni sia a livello di autorità locali – quindi Regioni e Comuni – che a livello di governo nazionale.

Share this article