Bassetti ammette: «Le previsioni, anche quelle che ho fatto io, si sono rivelate sbagliate» | VIDEO

Il Direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale San Martino di Genova ha parlato della situazione Covid a L'Aria che Tira

12/11/2020 di Enzo Boldi

Bassetti ammette

Nella prime nella seconda ondata di Coronavirus in Italia, molti esperti hanno sbagliato nelle loro previsioni. Spesso la loro esposizione mediatica ha reso ancora più evidente alcune posizioni che poi, alla luce dei fatti, si sono rivelate errate. Ora anche Matteo Bassetti ammette che alcune delle sue considerazioni (ma anche quelle di altri) – nei mesi in cui la situazione in Italia sembrava essere meno grave di quanto, poi, è diventata nelle ultime settimane – erano sbagliate.

LEGGI ANCHE > Lo sfogo di Bassetti: «Questo è un Paese di ingrati» | VIDEO

«È ritornata un’importante ondata di questa infezione che nessuno di noi avrebbe voluto rivedere – ha detto Matteo Bassetti in collegamento con L’Aria che Tira, su La7 -. È tornata trovando in molte situazioni medici, sanitari e sistemi già stanchi da una prima ondata che avevamo troppo presto voluto dimenticare. Per cui le previsioni, anche quelle che ho fatto io, sono state probabilmente sbagliate. Però è evidente che oggi ci troviamo in una situazione di difficoltà».

Bassetti ammette le sue previsione sbagliate su seconda ondata

Il direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale San Martino di Genova e membro della task force della Regione Liguria, ha poi spiegato come l’incremento dei contagi, negli ultimi giorni, sembra essersi stabilizzato, con un timido rallentamento. Per il momento, però, la situazione negli ospedali continua a essere molto critica e non solo in Italia: «In questa situazione non ci siamo solo noi, molti paesi sono alle prese con gli stessi problemi. È probabile che noi non ci siamo organizzati al meglio, ma quando si ammalano così tante persone il sistema va comunque in difficoltà. Oggi è inutile dire che la colpa è di ciò che non si è fatto durante l’estate, dipende da quello che non è stato fatto negli ultimi 30 anni».

(foto di copertina: da L’Aria che Tira, La7)

Share this article