Spalletti convoca Icardi, ma la Curva Nord ‘caccia’ il suo ex capitano

di Enzo Boldi | 02/04/2019

Icardi, Curva Nord Inter
  • Luciano Spalletti è tornato a convocare Mauro Icardi dopo oltre due mesi. L'attaccante sarà titolare contro il Genoa

  • La Curva Nord nerazzurra, però, ha scritto un duro comunicato chiedendo alla società di cacciarlo

  • Si parla di valori e caratteristiche che non sono degne non solo di un capitano, ma di chi veste la maglia dell'Inter

Mauro Icardi, dopo due mesi dalla sua ultima volta, torna a vedere il proprio nome all’interno della lista dei convocati di Luciano Spalletti per la sfida del turno infrasettimanale contro il Genoa a Marassi. L’attaccante argentino, secondo quanto dichiarato dall’allenatore nerazzurro in conferenza stampa, dovrebbe partire da titolare, nonostante non abbia minuti nelle gambe dopo il tira e molla – fatto anche da fastidi al ginocchio sospetti – delle ultime settimane sul suo futuro e sul rinnovo di contratto gestito dalla compagna-agente Wanda Nara. Una buona notizia per l’Inter che ha tra gli infortunati anche l’altro attaccante, Lautaro Martinez, ma non per i tifosi che si sono schierati apertamente contro l’ex capitano.

LEGGI ANCHE > Da Wanda Nara ad Alda Merini, chi ha ricevuto il Premio Socrate 2019

«Dopo un confronto interno tutti i gruppi della Curva Nord hanno deciso all’unanimità che il comportamento del numero 9 nerazzurro non deve più esser tollerato – si legge nel comunicato ufficiale rilasciato dal più folto gruppo organizzato del tifo nerazzurro -. La Nord ritiene che Icardi abbia dato prova di non possedere il carattere necessario non solo per ottenere una fascia di capitano ma neppure per poter costruire sulla sua figura un futuro per ottenere uno spogliatoio unito».

Icardi cacciato dalla Curva Nord dell’Inter

E già il titolo di questo comunicato è emblematico: «AVANTI CON GLI INTERISTI, ICARDI VATTENE!!!». Parole che sottolineano ancor di più lo scollamento tra la parte più radicale e radicata a San Siro del tifo interista e quello che, da due mesi a questa parte, è il loro ex capitano. E le frizioni tra Icardi e la Curva Nord non sono nuove, come testimoniato dalle tensioni del Mapei Stadium nel 2015, quando dopo la sconfitta dei nerazzurri contro il Sassuolo, l’attaccante argentino discusse con i tifosi e lanciò loro la sua maglia numero 9.

No ai personalismi, sì al valore della squadra

«Con questo comunicato invitiamo la società Inter a prendere al più presto i necessari provvedimenti per allontanarlo da un gruppo che non pare minimamente intenzionato a condividere con lui il percorso immediato e futuro della squadra anche a rischio di compromettere il finale di stagione – si legge nelle ultime righe del comunicato della Curva Nord nerazzurra -. Per noi il valore squadra deve venire prima dei personalismi e dei protagonismi mediatici pertanto la posizione della Nord è che Icardi non fa più parte dell’Inter e d’ora in poi verrà trattato di conseguenza».

(foto di copertina: ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO)