Manuel Bortuzzo torna a dare le prime bracciate in piscina | VIDEO

di Enzo Boldi | 07/03/2019

  • Il video delle prime bracciate in acque di Manuel Bortuzzo

  • È iniziata la sua terapia di neuroriabilitazione all'Istituto Santa Lucia di Roma

  • Un ritorno al suo elemento naturale dopo esser scampato alla morte

L’acqua è il suo elemento naturale e ora la sua vita riparte proprio da lì. Manuel Bortuzzo aveva annunciato il suo ritorno in piscina per proseguire la sua terapia di neuroriabilitazione e nel pomeriggio di giovedì è stato condiviso il video che lo ritrae intento a percorrere la vasca dell’Istituto Santa Lucia di Roma. Un primo passo per recuperare quello che due criminali sprovveduti hanno provato a toglierli in quella notte tra il 2 e il 3 febbraio nel quartiere Axa, a Roma.

LEGGI ANCHE > Manuel Bortuzzo torna in piscina dopo il colpo di pistola

Nel filmato pubblicato sulla pagina Facebook Tutti con Manuel si vede il 19enne concludere la sua prima vasca nella piscina dell’Istituto Santa Lucia, nella zona sud della Capitale. Un gesto che prima era la sua quotidianità e che ora rappresenta il primo passo per tornare alla sua vita. Prima di quel maledetto proiettile che ne ha messo a rischio la vita, prima di quella fredda sera di febbraio che ha portato il suo nome sulle pagine della cronaca e non per i suoi successi sportivi. Ora avrà tutto il tempo per mostrare la sua tenacia, già nota a tutti per la sua prima battaglia vinta.

Manuel Bortuzzo riparte dalla piscina

«Ciao ragazzi, finalmente sono tornato in vasca oggi. Un’emozione bellissima». L’emozione di ripartire per rincorrere il sogno che sembrava essere interrotto. E ora, proprio dall’acqua, suo elemento naturale, Manuel Bortuzzo si prepara ad affrontare un lungo percorso. Il secondo più difficile della sua vita dopo quello fatto nel letto dell’ospedale romano. La sua storia ha attirato l’attenzione di molti e l’Italia si è unita attorno a lui e la sua famiglia nella speranza che il suo sogno potesse ripartire. Ora le sue bracciate sembrano essere un gesto di liberazione. Una vittoria per quella morte scampata e la vita che va avanti. Nonostante quel proiettile, nonostante quei due criminali.

(foto di copertina: da video della pagina Facebook Tutti con Manuel)