Battisti andrà a Oristano, nel carcere che Carminati definì «albergo a tre stelle»

di Redazione | 14/01/2019

Cesare Battisti

Sarà la casa circondariale Salvatore Soro di Oristano a ospitare l’ex terrorista Pac Cesare Battisti. La soluzione è stata presentata in conferenza stampa dallo stesso ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Il guardasigilli, infatti, ha affermato: «Proprio in questo momento la polizia penitenziaria lo sta portando nel carcere di Oristano. È una valutazione che abbiamo fatto perché le condizioni particolari di sicurezza possono essere garantite così nel migliore dei modi».

LEGGI ANCHE > Cesare Battisti è atterrato «sogghignante» all’aeroporto di Ciampino

Battisti a Oristano: nella stessa struttura di Carminati

La casa circondariale di Oristano, è stata aperta nel 2012 ed è una struttura nuova sia nella concezione, sia nella organizzazione della vita di reparto. Il carcere ha diverse aree di svago per i detenuti: 4 sale colloqui, un’area verde e una ludoteca; ma può vantare anche la presenza di campo sportivo, teatro, biblioteca, laboratori e officine.

Nella stessa struttura, nel luglio del 2017, è stato trasferito anche l’ex Nar Massimo Carminati. Insomma, un incrocio storico: nel carcere di Oristano ci sarà spazio per il terrorista nero e per il terrorista rosso. Un’immagine decisamente suggestiva. La decisione di trasferire Carminati a Oristano era stata presa in seguito alla revoca, dal parte del ministro della giustizia Andrea Orlando, del regime in cui Massimo Carminati si trovava dal dicembre 2014, con l’esclusione dell’aggravante mafiosa per i reati commessi e contestatigli. «Sto bene, benissimo – aveva detto Carminati della struttura di Oristano -: sembra quasi di stare in un hotel a tre stelle. Sono anche abbronzato».

In queste ore, dunque, il nucleo del GOM della Polizia Penitenziaria sta provvedendo a scortare Cesare Battisti da Roma in Sardegna. Dopo un volo intercontinentale, dunque, l’ex terrorista dei Pac verrà immediatamente trasferito sull’isola.

FOTO: ANSA/ALESSANDRO DI MEO