Infermiere arrestato per violenza sessuale all’ospedale di Padre Pio

di Redazione | 07/12/2018

infermiere violenta paziente
  • L'episodio si sarebbe verificato un mese fa nella Casa Sollievo della Sofferenza

  • L'uomo di 50 anni avrebbe usato una pratica troppo invasiva su una paziente

  • L'infermiere è stato arrestato

C’è il massimo riserbo sulla questione e, anzi, l’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, quello voluto da Padre Pio a San Giovanni Rotondo, si è trincerato dietro a un no comment. Un infermiere avrebbe compiuto una violenza sessuale nei confronti di una paziente ed è stato arrestato. L’uomo, 50 anni, lavorava da diverso tempo all’interno della struttura foggiana: avrebbe utilizzato una pratica decisamente troppo invasiva nei confronti di una paziente che si era sottoposta a un delicato intervento chirurgico.

LEGGI ANCHE > Il Miur blocca il questionario sul «bullismo omofobico» nelle scuole umbre

La presunta violenza sessuale di un infermiere a una paziente

L’episodio si sarebbe verificato circa un mese fa: la notizia è emersa nelle ultime ore in seguito alla denuncia della vittima della violenza sessuale – una signora di mezza età – e in seguito alle testimonianze fornite dai colleghi dell’infermiere agli inquirenti che stanno indagando sul caso.

La donna aveva raccontato l’episodio ai medici che, successivamente, avevano fatto ricorso alle forze dell’ordine. Stando a quanto trapela dalla struttura sanitaria, per l’infermiere cinquantenne sarebbero già in corso le pratiche per il licenziamento. Per ora, gli investigatori hanno circoscritto l’episodio a un caso singolo e isolato. Tuttavia, stanno effettuando ulteriori accertamenti per verificare se casi simili si fossero verificati anche in passato.

Al momento, l’infermiere è stato colpito da una misura restrittiva di custodia cautelare. Nei prossimi giorni, dopo ulteriori accertamenti, si potrà capire se la misura verrà convalidata e se sarà necessario proseguire nelle indagini.