Spelacchio è arrivato, ma ha cambiato nome: ora è Spezzacchio

di Gaia Mellone | 03/12/2018

  • L'abete è arrivato in Piazza Venezia, con qualche ramo spezzato

  • Il nuovo Spelacchio è stato ribattezzato dai social Spezzacchio

  • Tutto nella norma: i rami verranno riattaccati

Non c’è pace per il povero Spelacchio. Lo scorso anno era stato criticato per gli addobbi tristi e l’aspetto malconcio. Per il 2018 si prevedeva una grande restyling, complice anche la sponsorizzazione di Netflix, ma l’abete arrivato in Piazza Venezia dà già segni di cedimento: molti rami sono spezzati.

LEGGI ANCHE > Spelacchio è tornato

Spelacchio diventa spezzacchio, ma si può fare copia e incolla

Ci vorrebbe Giovanni Muciaccia con le sue forbici dalla punta arrotondata e la vinavil. L’abete di 23 metri è arrivato nella sua nuova casa di Piazza Venezia a Roma, ma il trasporto lo ha ferito, anche stavolta. Alcuni rami infatti sono spezzati, tanto che sui social è stato ribattezzato con un nuovo soprannome: adesso è «Spezzacchio».  Del resto, in un viaggio lungo 700 km era prevedibile che si perdesse qualche pezzo per strada. Il titolare del vivaio di Cittiglio da cui Spelacchio/Spezzacchio è partito rassicura i romani:«L’albero è stato sottoposto a una legatura particolare in modo da spostarlo rispettando tutte le norme di sicurezza» ha dichiarato Giuseppe Spertini. Il titolare del vivaio ha aggiunto che non c’è nulla da temere, l’albero sarà bellissimo e integro come promesso: «Le squadre che sono sul posto hanno le competenze e gli strumenti necessari per sistemare tutto in modo che l’albero risulti assolutamente perfetto al momento dell’accensione», spiegando che «alcuni rami erano stati tagliati qui per essere poi rimontati a Roma». Insomma, tutto nella norma, stavolta i social potrebbero essere stati troppo malevoli.

Spelacchio è il protagonista assoluto del trailer natalizio di Netflix Italia

Netflix ha investito 376mila euro sul restyling di Spelacchio, e gli ha dato un ruolo da protagonista anche per il promo natalizio. Spelacchio chiacchiera con un giornalista, raccontando le sue avventure: dal cameo come palma in Suburra fino alla scenografia di Stranger Things. Ha perso anche trenta chili in Spagna, dove gli è stata data «carta bianca», il riferimento è chiaramente a La Casa di Carta. Ma «il cinema è sperimentazione» e Spelacchio racconta di aver imparato moltissimo sul set del film «Natale a 5 stelle» e non vede l’ora di essere applaudito dalla sua città. Certo, la frase di apertura è «Sono tornato, e sono tutto intero», e più che uno spoiler sembra una previsione troppo benigna. Come sempre, bisognerà aspettare la “prima” ufficiale: Spelacchio bis farà il suo debutto l’8 dicembre, quando verrà presentato al suo pubblico e acceso dalla sindaca Virginia Raggi. Sperando che “spezzacchio” resti solo una piccola, fraintesa parentesi della sua carriera.

(Credits immagini: ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

TAG: Spelacchio