La Toscana è pronta a distribuire preservativi gratis

di Redazione | 14/11/2018

preservativi gratis
  • Il governatore della Toscana Enrico Rossi pensa a una proposta sui preservativi gratis

  • Avrà il compito di migliorare la contraccezione e di ridurre gli aborti

  • La misura riguarda gli under 26 e le donne sotto i 46 anni

La rivoluzione copernicana della contraccezione. Il presidente della regione Toscana Enrico Rossi, che alle ultime elezioni è stato candidato con Liberi e Uguali, ha lanciato la proposta di distribuire preservativi gratis all’interno dei confini regionali a tutti gli under 26 e a tutte le donne sotto i 46 anni. L’iniziativa verrà discussa in consiglio nei prossimi giorni ed è stata presentata su Facebook dal presidente della Regione.

LEGGI ANCHE > La Boston University ha inventato un nuovo tipo di preservativo «autolubrificante»

Preservativi gratis, l’annuncio di Enrico Rossi

«Una decisione – ha scritto Enrico Rossi – che abbiamo fortemente voluto e fondamentale per contrastare malattie sessualmente trasmissibili, evitare gravidanze indesiderate, ridurre il ricorso all’aborto. Non solo profilattici: la gratuità riguarderà moltissimi altri metodi anticoncezionali come pillola, cerotto, anello, pillola del giorno dopo, spermicidi, spirale…».

Le altre misure oltre a quella dei preservativi gratis

La misura non verrà soltanto indirizzata agli under 26, ma anche alle donne sotto i 46 anni che si trovano in difficoltà economiche, nei due anni successivi a un’interruzione volontaria di gravidanza o a un anno dal parto. Inoltre, l’iniziativa punterà anche al miglioramento dell’educazione sessuale all’interno delle scuole, in modo tale da rendere i giovani più consapevoli su tematiche quali le malattie sessualmente trasmissibili. 

Si tratta di una proposta che, su così larga scala, non ha precedenti in Italia e che apre in Toscana una sperimentazione che già si può trovare in altri Paesi europei. L’ottavo consiglio municipale di Milano, infatti, aveva già fatto una proposta simile, ma estendere il tutto sull’intero territorio regionale, a una platea così vasta, rappresenta senz’altro un cambiamento rilevante.

FOTO: ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

TAG: Toscana