Maltrattano a morte un coniglio a Foggia, l’indignazione della rete non basta più

di Redazione | 06/10/2018

Foggia

Il sito delle Iene ha rilanciato una denuncia mossa da Ambra, un’utente di Instagram, in cui ha segnalato il maltrattamente di un coniglio a Foggia, in seguito morto.

LEGGI ANCHE > Antonino Monteleone de Le Iene perquisito nell’ambito dell’inchiesta su David Rossi

Nel video, postato dallo stesso individuo, si vede il profilo di un ragazzo impegnato a picchiare duramente un animale.

La ricostruzione della vicenda è stata fatta dalla stessa redazione on-line delle Iene:

Ennesimo caso di violenza gratuita contro gli animali. Questa volta è successo a Foggia, dove due ragazzi avrebbero bastonato un coniglietto fino a ucciderlo. Dopo la violenza uno di loro ha caricato il video su Instagram, “per vantarsi della loro bravata” dice Ambra, la ragazza che ci ha contattati per denunciare il fatto. Nel video si sentono chiaramente i due ragazzi che ridono. Ma la frase che ha fatto più ribrezzo a chi l’ha visto è “Mamm e cum chiagn“, che tradotta dal dialetto significa mamma come piange.
Tutta questa violenza non è passata inosservata e moltissimi ragazzi sono insorti contro l’autore della violenza, riempiendo i suoi social di insulti e minacce. Lui, più divertito che spaventato da chi chiede vendetta, ha pensato di condividere su Instagram l’immagine di un coniglio arrosto con contorno di patate e con la scritta “Buona cena raga”.

Inoltre, come viene ricordato sullo stesso sito, “Il maltrattamento degli animali è un reato previsto dall’art. 544-ter del codice penale, che recita così: “chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5 000 euro a 30 000 euro“.

(Foto credits: Iene.mediaset.it)