Andrea Scanzi cita le piaghe d’Egitto per criticare Saviano sul caso Riace

di Enzo Boldi | 04/10/2018

scanzi

«Caro Roberto, avvisami quando arriveranno le cavallette». Così Andrea Scanzi sul Fatto Quotidiano si scaglia contro Roberto Saviano, criticandolo per il suo atteggiamento nei confronti di Matteo Salvini. E non solo. Nel mirino del giornalista toscano c’è la difesa fatta dello scrittore napoletano in favore del sindaco di Riace Mimmo Lucano, agli arresti domiciliari da martedì mattina per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

LEGGI ANCHE > Un po’ di ordine nella storia dell’arresto di Mimmo Lucano

«Roberto Saviano ha saputo costruirsi un bel ruolo: quello di Re dei buono», scrive Andrea Scanzi sul Fatto Quotidiano. L’arresto del sindaco di Riace è il tema centrale del suo articolo. «Ad agosto lo scrittore napoletano difendeva Mimmo Lucano, definendolo un modello. Lungi dal fare autocritica, pratica a cui Saviano è un po’ allergico, lo scrittore ora sta rilanciando il suo pensiero con intemerate funeree».

Scanzi e l’allergia all’autocritica altrui

Sembrerà un po’ strano, ma è proprio Andrea Scanzi – che spesso e volentieri gioca con il suo narcisismo esposto – a definire «allergico all’autocritica» Roberto Saviano. Poi la critica si sposta sull’atteggiamento dello scrittore e giornalista di Repubblica nei confronti di Matteo Salvini. «Per lui è sempre colpa di Salvini. Io stimo Saviano – prosegue Scanzi – e sono molto lontano dalle posizioni del Ministro dell’Interno, ma il suo comportamento non fa altro che fare il gioco del leader della Lega».

Andrea Scanzi, le cavallette e le piaghe d’Italia

In un video postato sulla sua pagina Facebook, Saviano aveva parlato – riferendosi all’arresto di Mimmo Lucano – di «passo verso uno Stato autoritario, con l’Italia che sta diventando un regime». E, anche su questo, Scanzi lo critica: «Ehilà, addirittura? E quando è prevista l’invasione delle cavallette? – scrive sul Fatto Quotidiano facendo riferimento alle sette piaghe d’Egitto- Così, giusto per sapere. Vorrei organizzarmi bene per l’avvento delle Tenebre».

(foto di copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)