Antonio Ricci denuncia: «Vittima dell’editto Fabiano in Rai»

di Redazione | 02/10/2018

antonio ricci

Antonio Ricci sembra una persona sgradita nei corridoi Rai. La notizia la riporta Striscia la Notizia, sul suo sito. Il genio dei programmi Mediaset è stato contattato nelle scorse settimane da Giorgio Verdelli, autore Rai e amministratore unico di Sudovest Produzioni, che gli ha chiesto di intervistarlo per un programma di Rai2 dedicato a Enzo Trapani. Ricci, stranamente, aveva accettato. Trapani è stato un suo maestro (Ricci gli dedicò anche un programma televisivo “Free Dog: fantastico Trapani”, andato in onda nel 1990 su Rai2).

LEGGI ANCHE > Come Mara Venier asfalta Barbara D’Urso

Come spiegano da Striscia però pochi giorni prima della data, fissata per il 16 ottobre, è saltata l’intervista. Perché? Secondo quanto sostiene il programma Andrea Fabiano, direttore di Rai2 «non gradisce la presenza di Ricci nei programmi del servizio pubblico».

«L’editto Fabiano è una discriminazione gaglioffa e inconcepibile», ha dichiarato Antonio Ricci. «Tra l’altro non sono neppure un dipendente Mediaset, ma un libero professionista senza vincoli di esclusiva. A me non piace comparire in Tv, ma mi ero messo gratuitamente a disposizione del servizio pubblico per il debito di riconoscenza che provo tuttora per il mio Maestro Enzo Trapani, di cui sono rimasto, almeno fino a oggi, l’unico discepolo vivente».

(foto ANSA / MATTEO BAZZI)