La svolta Hipster dei Korn: adesso producono caffè

di Gaia Mellone | 01/10/2018

Anche i metallari bevono caffè, e nel caso dei Korn lo producono anche. Il 28 settembre la band statunitense ha pubblicizzato su Twitter la collaborazione con J.Gursey Coffee: il Korn Koffee è tra noi.

Il Korn Koffee è una morbida miscela tostata realizzata mescolando al caffè Vintage Black Diamond di J.Gursey del  Yirgacheffe etiope, Huehuetenango guatemalteco e dei chicchi peruviani.

Korn Koffee, altro che birra che rock’n’roll

«L’idea del Korn Koffee ci è venuta fondamentalmente perché beviamo davvero tanto caffè quando siamo in tour. È importante avere qualcosa che ti dia l’energia la mattina» dice il chitarrista James Shaffer  nel video promozionale postato dalla band su Facebook. In effetti dalle chiacchiere tra lui e Ray Luzier, si vede che di caffè ne bevono davvero tanto: «Hai assaggiato quello tedesco? quello sì che è una bomba!». «Credo che i nostri fan apprezzeranno il nostro caffè perché ha un certo “kick” – continua Shaffer – È qualcosa che abbiamo curato personalmente e a cui abbiamo lavorato per molto tempo».

La miscela può essere acquistata per  14.99 dollari, ma c’è anche l’opzione con la tazza ufficiale, per 24.99 dollari.  Purtroppo sono andati entrambi sold out in poche ore.

Metal e Caffè, i precedenti

Non è la prima volta che una band Metal si lancia nel mercato del caffè. Anche David Ellefson, bassista e cofondatore dei Megadeth ha lanciato un’azienda di caffè dal nome Ellefson Coffee Co., e anche il batterista degli Anthrax Charlie Benate aveva lanciato la Benante’s Blends. Anche il batterista degli Aerosmith aveva aperta una catena di caffetterie, la Joy Ktamer’s Rockin and Rostin, che purtroppo ha chiuso nel 2017. Alla faccia dello stereotipo dei metalli incattiviti e ubriaconi: il vero rock sta nella tazza del caffè.

(credit immagine copertina: postata sull’account Instagram Jgurseycoffee)

TAG: Korn