Chi è David Ermini, il nuovo vicepresidente del Csm

di Enzo Boldi | 27/09/2018

David Ermini

Il Consiglio superiore della Magistratura ha un nuovo vicepresidente. Il suo idenkit risponde al nome di David Ermini, avvocato penalista fiorentino di sponda dem e che ha legato la sua storia politica a Matteo Renzi. Un profilo che ha portato alle reazioni di molti esponenti del Movimento 5 Stelle e del loro leader Luigi Di Maio, che hanno giudicato questa nomina come una chiara ingerenza della politica.

LEGGI ANCHE > Camera: ok dall’Aula alle dimissioni dell’ex M5S Andrea Mura, il velista

Nato a Figline Valdarno, comune in provincia di Firenze, il primo novembre 1959 è laureato in Giurisprudenza e nella sua carriera si è specializzato in diritto penale. Nel suo passato, prima di entrare in politica militando nel Partito Democratico, compare anche il ruolo di Vice Pretore Onorario e di giudice sportivo presso la FIGC per il settore giovanile.

David Ermini, dal Partito democratico al Csm

La politica entra nella sua vita dal 2013, quando viene eletto alla Camera nel 2013. Il suo rapporto con Matteo Renzi si solidifica nel tempo sfociando, nel 2014, nella nomina di Responsabile nazionale del Partito Democratico con delega alla Giustizia nel secondo mandato alla guida della segreteria dem dell’ex sindaco di Firenze. Poi altri ruoli di importanza strategica per il Pd, come quello – ricoperto dal luglio 2015 al marzo 2017 – di Commissario regionale del partito democratico in Liguria. Prima di diventare -oggi – vicepresidente del Csm, era stato rieletto come deputato alle ultime elezioni politiche.

La nomina di David Ermini e la reazione di Di Maio

Un profilo legato al Partito Democratico che ha fatto infervorare Luigi Di Maio che, non appena venuto a conoscenza della sua nomina, si è scagliato contro di Ermini e contro il sistema, accusando tutto e tutti di ingerenze della politica nella Magistratura. Una reazione di berlusconiana memoria ai tempi dei social network.

(foto di copertina: ANSA/ UFFICIO STAMPA QUIRINALE – PAOLO GIANDOTTI )