Paola Taverna (quella del «Va’ a morì ammazzato!») nominata all’assemblea parlamentare dell’Osce

di Redazione | 26/09/2018

sfratto mamma Taverna

«Ci hanno preso per il c…!», «Ma va’ a morì ammazzato!», «Me stai a rompe i cogl…!». Quando è salita sul palco nelle ultime campagne elettorali la senatrice Paola Taverna non ha esitato a pronunciare parole volgari per strappare applausi al suo pubblico M5S. Quelle espressioni non sono mai state un problema per la sua ascesa ai vertici del Movimento 5 Stelle e nemmeno per ottenere altri incarichi, istituzionali, di prestigio.

 

 

Paola Taverna nominata all’assemblea dell’OSCE per «favorire il dialogo interparlamentare»

Ad inizio legislatura, a marzo scorso, la parlamentare romana è stata eletta alla vicepresidenza della Camera. È di oggi invece la notizia della sua nomina all’assemblea parlamentare dell’OSCE. L’assemblea, con sede a Copenaghen, rappresenta la dimensione parlamentare dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, ed ha l’obiettivo di promuovere un maggiore coinvolgimento dei Parlamenti nazionali nella stessa OSCE. «Sono stata ufficialmente nominata – ha scritto la Taverna su Twitter – membro della Delegazione italiana all’Assemblea parlamentare dell’#OSCE. Metterò il massimo impegno per favorire, anche in qualità di Vice Presidente del Senato, il dialogo interparlamentare, quale strumento per realizzare lo sviluppo democratico». Favorire il dialogo interparlamentare, dunque. Con un lessico adeguato, si spera.

 

 

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit immagine: ANSA / GIUSEPPE LAMI)