Lavoro, Di Maio: «Entro dicembre nuovo codice del lavoro, via 140 leggi»

di Redazione | 17/09/2018

codice lavoro

«Entro dicembre sarà pronto un codice del lavoro che semplificherà la giungla di 140 leggi, in cui ormai non si capisce più nulla». A dirlo è il ministro dello Sviluppo Economico e vicepremier Luigi Di Maio parlando con i giornalisti al termine di un incontro con alcuni imprenditori nella sede di Assolombarda, a Milano. «Il progetto è di abolire 140 leggi e metterle insieme in un unico codice del lavoro. Che consentano a lavoratori e imprenditori di sapere qual è la legge che si applica ai loro problemi è la mia priorità».

LEGGI ANCHE > Salvini nega i porti ad Aquarius 2 e solleva il complotto (inutile) del cambio nome

Come sarà strutturato il codice unico è ancora un mistero, così come rimane ancora fumoso il lavoro dei super esperti. L’iniziativa però ha già incassato diversi apprezzamenti. Il primo è quello di Conflavoro PMI. Secondo il presidente Roberto Capobianco «per un imprenditore, specialmente se ha un’attività di piccole e medie dimensioni, navigare in una selva di leggi e normative riguardanti il mondo del lavoro è complicato, rischioso e, soprattutto, molto costoso».
L’associazione di categoria propone che il codice sia digitale, quindi immediatamente e facilmente consultabile, e che contenga «un’appendice che riassuma i principali diritti e doveri delle parti, così da evitare errori procedurali in caso di contenziosi», strumento ritenuto utile «tanto per chi fa impresa quanto per i lavoratori stessi».

(In copertina il ministro del Lavoro Luigi Di Maio parla con i giornalisti durante la visita al MICAM, il salone internazionale leader del settore calzaturiero. Rho, 17 Settembre 2018. ANSA/FLAVIO LO SCALZO)