Renzo Bossi
|

Renzo Bossi attacca Salvini: «Alla politica dei tweet preferisco i progetti per il Paese»

Torna a parlare Renzo Bossi. Il figlio del fondatore della Lega Nord, in una rivista rilasciata al settimanale Oggi, ha raccontato la sua vita e i suoi progetti, lasciando spazio anche ad alcune valutazioni sulla classe politica ora alla guida dell’Italia. E il Trota, chiamato così dal padre quando gli chiesero se poteva esser lui il suo delfino, non ha espresso giudizi molto lusinghieri nei confronti dell’attuale leader della Lega Matteo Salvini.

LEGGI ANCHE > Dov’è finito Riccardo Bossi? Il figlio del Senatur è irreperibile, ma deve 2500 euro a un avvocato

«Salvini? L’eleganza è un’altra cosa – spiega Renzo Bossi a Oggi -. Io alla politica dei tweet ho sempre preferito quella dei progetti per il bene del Paese». Un attacco all’erede politico del Senatur Umberto Bossi che viene accusato di pensare più a intasare i social tra messaggi e proclami che ad agire veramente nell’interesse dell’Italia. Poi la sua versione sugli ormai famosi 49 milioni di euro di rimborsi elettorali spariti dalle casse della Lega: «Mi limito a dire che quando mio padre è andato via quei soldi erano ancora lì».

La nuova vita di Renzo Bossi tra agricoltura e pastorizia

Ora Renzo Bossi ha 30 anni e non ha più velleità politiche, anche se per qualche mese ha fatto l’assistente del padre. «La Lega ha candidato mio padre ma ha deciso di non pagargli un assistente – racconta a Oggi -. E così per tre mesi l’ho accompagnato a Roma io; ora ne ha trovato uno, se lo paga lui». La sua nuova vita non è più legata alla Lega, ai suoi ideali e ai suoi simboli, ma si mischia con l’odore di campi e stalle: «Ora non voglio più persone cattive nella mia vita, ho la mia azienda agricola, allevo maiali e capre, produco formaggi e salumi».

Renzo Bossi e l’idea alternativa al reddito di cittadinanza

Però le idee non gli mancano e lancia un’idea alternativa al reddito di cittadinanza proposto da Luigi Di Maio e dal Movimento 5 Stelle: «Fare in modo che chiunque di noi guadagni dai dati che mette in rete». Come? Non si sa, ma lo sforzo resta comunque apprezzabile.

(foto di copertina: ANSA/LUCA ZENNARO)