«Possibili scosse ancora più forti in Molise»

di Redazione | 23/08/2018

scosse Molise

«C’è il terremoto, il terremoto non è prevedibile, ci sono queste scosse, gli esperti dicono che è aumentata la probabilità che ci possa essere una scossa ancora più forte, regoliamoci di conseguenza. Questo è il messaggio che deve passare». Così il Capo della Protezione civile nazionale, Angelo Borrelli, sull’emergenza terremoto in Molise. Borrelli si trovava oggi al Coc di Montecilfone (Campobasso) per un incontro con il sindaco, Franco Pallotta, i tecnici e le istituzioni locali. La scorsa settimana una scossa di magnitudo 5,1 con epicentro a Montecilfone in provincia di Campobasso, ha fatto preoccupare i residenti. Nei giorni successivi ci sono state scosse anche in Emilia Romagna e Marche.

LEGGI ANCHE > Cosa sta succedendo nella faglia che ha fatto tremare il Molise

«Non possiamo escludere ulteriori scosse – ha spiegato Borrelli – anche di più elevata intensità. Per queste ragioni abbiamo raccomandato e attivato insieme al presidente della Regione, Donato Toma, con il Prefetto, Maria Guia Federico, con i sindaci e le istituzioni presenti sul territorio una serie di presidi a garanzia dell’assistenza alla popolazione. Bisogna tenere la massima attenzione anche da parte dei cittadini, quelli che non si sentono sicuri nelle proprie abitazioni, possono rivolgersi ai Comuni nei punti di assistenza».