Il Washington Post definisce folle e omicida la politica No Vax del governo italiano

di Enzo Boldi | 23/08/2018

Washington Post No Vax

Stupida, folle, populista e omicida. Così il Washington Post ha descritto la politica del Governo italiano sui vaccini, sul loro obbligo e – soprattutto – sulla revoca del vincolo di certificazione per l’iscrizione dei figli nelle scuole. Nell’editoriale pubblicato questa mattina su uno dei più importati e letti quotidiani statunitensi, si rimarca la posizione no vax di molti esponenti della nostra Maggioranza di Governo che hanno imposto molti diktat sul tema, partorendo una legge che sarà votata il mese prossimo dalla Camera.

LEGGI ANCHE > L’Indonesia, l’Islam e la fobia del vaccino anti morbillo

«I timori di vaccinazione stanno spingendo l’Italia verso la follia – si legge nell’editoriale del Washington Post -. Un emendamento approvato dal Senato italiano, sostenuto dal governo populista, sospende l’obbligo per i genitori di fornire la prova di 10 vaccinazioni di routine quando si iscrivono i loro figli in asili nido o scuole materne». Poi il duro attacco a questa politica, che per il quotidiano statunitense, oltre a esser folle e priva di senso, metterà a rischio la vita di tantissimi bambini.

Washington Post No Vax, dagli States il monito: la politica italiana poterà alla morte di molti bambini

«La Camera dei deputati italiana dovrebbe votare questo provvedimento il mese prossimo. Se sarà approvato, più persone andranno a scuola senza vaccinazione. Alcuni moriranno. Non dovrebbe essere permesso che accada». L’accusa del Washington Post è rivolta a una politica nostrana che vive di proclami populisti più che alla salute dei propri cittadini – ed elettori -, facendosi beffa anche delle indicazioni provenienti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Washington Post No Vax, negli Usa il morbillo è stato debellato quasi 20 anni fa

Nello stesso editoriale, si parla del tasso record di persone infettate dal virus del morbillo in Europa, con l’Ucraina capostipite di questa poco gratificante classifica con oltre 23mila persone contagiate e con Francia, Georgia, Grecia, Russia, Serbia e – per l’appunto – Italia che hanno riscontrato oltre 1000 casi. Il morbillo, grazie ai vaccini, ha diminuito la propria virulenza nel tempo, ma una politica No Vax potrebbe riaccendere l’emergenza. A differenza di quanto accade nel Vecchio Continente, il Washington Post sottolinea come negli Stati Uniti sia  stato quasi azzerato il numero di persone contagiate, proprio grazie all’immunizzazione, e spiega che molte ricerche hanno smentito il collegamento tra vaccinazione e autismo.

 

(foto di copertina: Paulo Lopes via ZUMA Wire)