diciotti
|

Diciotti, la procura al governo: «Fate sbarcare almeno i minori». Si indaga per sequestro di persona

Il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, è salito a bordo della nave Diciotti a Catania. Il magistrato è titolare dell’inchiesta sul trattenimento dei profughi a bordo della Diciotti. La Procura di Agrigento ha aperto un’indagine per sequestro di persona e arresto illegale sul trattenimento a bordo della nave Diciotti. Finora è a carico di ignoti. Le ipotesi di reato inizialmente previste potrebbero essere modificate in base a valutazioni normative ancora in evoluzione vista la complessità del caso. (ultimo aggiornamento alle ore 18.40, 22 agosto 2018)

LEGGI ANCHE > Fico dice il contrario di Salvini: «I migranti della Diciotti devono sbarcare»

Si chiede almeno lo sbarco dei minori presenti sulla nave della Guardia Costiera. La procura per i minori di Catania ha inviato una lettera al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, al capo Dipartimento per le Libertà civili e l’immigrazione, al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, e al prefetto di Catania, nella quale si chiede che i 29 minorenni non accompagnati presenti sulla nave Diciotti e segnalati dal team Unicef-Intersos, siano fatti sbarcare, evidenziando che “sono stati elusi i loro diritti, tra cui il divieto di respingimento, essere accolti in strutture idonee, avere un tutore, presentare domanda di protezione internazionale e di essere ricongiunti ad eventuali parenti regolarmente soggiornanti in altri stati europei“. La procura attende riscontro “per poter avviare il procedimento a tutela dei minorenni presso il Tribunale per i minorenni cosi come previsto dalle normative vigenti“.