Salvini chiede ad Autostrade di sospendere i pedaggi, la società stoppa quelli delle ambulanze

di Redazione | 16/08/2018

pedaggi

«Mi aspetto che già da oggi Autostrade sospenda il pagamento dei pedaggi. Fossi stato il dirigente, l’avrei deciso già un minuto dopo la tragedia». Matteo Salvini prova a fare i conti in tasca alla società che gestisce la rete viaria in Italia e getta altra benz»ina sul fuoco rispetto alla polemica che si è scatenata tra il governo e Autostrade dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova.

LEGGI ANCHE > Genova, crollo del ponte: «Ci sono ancora 10-20 dispersi

Pedaggi, l’invito di Matteo Salvini alla società Autostrade

La misura auspicata da Salvini, generica e non circostanziata (secondo il ministro dell’Interno, Autostrade dovrebbe sospendere i pedaggi solo nell’area ligure o in tutto il territorio nazionale?), sembra essere un nuovo slogan populista che, invece che richiamare all’appello e all’unità nella gestione di una evidente crisi di sistema, punta a essere ancor più divisivo e a far spostare i consensi nella direzione della «nuova politica al governo».

Così come è populista anche il secondo passaggio del ministero dell’Interno, in visita ai feriti ricoverati all’Ospedale San Martino di Genova. «Faccio un appello al buon cuore di Autostrade: dia un segnale concreto, tangibile, immediato, anche economico alle famiglie delle vittime. Fossi in loro farei un bagno d’umiltà e metterei a disposizione tutto quello che ho per le famiglie di chi è rimasto in vita. Se il governo ha stanziato 5 milioni di euro, fossi in loro metterei sul tavolo 500 milioni. Mettano mano al cuore e al portafoglio».

Pedaggi, le parole del sottosegretario Rixi sulle ambulanze accolte da Autostrade

Nell’immediato post-crollo, insomma, stiamo assistendo a un rimpallo di responsabilità e di richieste (molto spesso senza alcun fondamento) davvero imbarazzante. La tragedia si è già – di fatto – trasformata in occasione di propaganda politica, mentre da un punto di vista concreto si stanno ottenendo ben pochi risultati in termini di cambiamento di mentalità sulle grandi opere e le grandi infrastrutture necessarie al Paese.

Quasi a rincorrere le parole del leader della Lega, è arrivata la nuova proposta del sottosegretario alle Infrastrutture Edoardo Rixi che ha annunciato l’intenzione, da parte del governo, di rivedere la circolare ministeriale che prevede il pagamento del pedaggio per le ambulanze.

Autostrade spa lo ha anticipato, diffondendo una nota nel primo pomeriggio: «Sulla base della sollecitazione pubblica del Sottosegretario Rixi, e per favorire lo svolgimento delle preziose attività di soccorso, Autostrade per l’Italia annuncia che le ambulanze non pagheranno più il pedaggio sulla propria rete. La decisione ha effetto immediato».

FOTO: ANSA/ LUCA ZENNARO