dieci vaccini sono troppi
|

Stanno prendendo in giro il ministro Fontana che ha detto: «10 vaccini sono troppi, ma non sono un medico»

Lo ha detto nella giornata di ieri, a margine della Festa della Lega Romagna. Il ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana ha dichiarato: «Dieci vaccini sono troppi, ma non sono un medico», irrompendo in questo modo nel dibattito che si è riacceso sulle vaccinazioni, dopo la scelta del governo di rinviare l’obbligo per permettere ai bambini di avere accesso alle scuole.

LEGGI ANCHE > Vaccini, Burioni e lo squallido fotomontaggio con le BR

Dieci vaccini sono troppi, le parole di Lorenzo Fontana diventano un meme

Così, in poco tempo, sta letteralmente spopolando l’hashtag #PerFontanaSonoTroppi, un vero e proprio refrain che su Twitter si sta applicando a qualsiasi circostanza e a qualsiasi situazione. L’utente che lo ha lanciato è Fabio Galletti che ha scritto sul social network di Jack Dorsey: «Troppe 12 scimmie, ma non sono un cinefilo».

Da quel momento in poi, sono partiti una serie di tweet con lo stesso tenore del precedente, tutti volti a contestare l’affermazione decisamente leggera e approssimativa del ministro Fontana che, in queste ore, tra l’altro, è stato nel mirino dei social network per le sue idee sull’abolizione della legge Mancino e, ancor prima, per le sue posizioni antiabortiste e critiche nei confronti dell’omosessualità:

Dieci vaccini sono troppi, la risposta dei social network

Ovviamente, si sta andando ad libitum, unendo – all’interno della stessa formula fissa – le più svariate e fantasiose soluzioni. Il tema è particolarmente caldo, ma l’ironia dei social network – in questo caso – punta un po’ a sdrammatizzare una situazione che si sta rivelando paradossale. Il governo, per non scontentare le varie parti in causa, si è inventato questa formula – pronunciata più volte dal ministro della Salute Giulia Grillo -: i vaccini non si discutono, ma intanto cerchiamo di rimandare il più possibile l’obbligo. Il web ribatte con l’hashtag #PerFontanaSonoTroppi.

[FOTO: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI]