Il sospetto di una setta dietro il caso della bimba malnutrita

di Redazione | 05/08/2018

setta

Una setta. Questo potrebbe esserci dietro il grave caso di malnutrizione che ha interessato una bimba di 10 anni, ricoverata all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino prima di venire sequestrata dai genitori pochi istanti dopo il suo ricovero nell’istituto ospedaliero.

LEGGI ANCHE > La vittima della setta macrobiotica: «Pesavo solo 35 chili, mi tolsero gli specchi»

Chi c’è dietro possibile setta bimba malnutrita

Secondo i racconti della bambina, la trama delle sue gravi condizioni fisiche, provocato da uno stato di malnutrizione diffuso (strumento utilizzato dai genitori per punirla), sarebbe da ricondurre alla setta “il gruppo degli Essere umani” di Andrea Castellani, guru piemontese già coinvolto in altri casi di minori sottratti alle cure previste dalla sanità pubblica.

I genitori hanno seccamente smentito questa possibilità: “Non diciamo sciocchezze – ha dichiarato il padre – non facciamo parte di nessuna setta e siamo una famiglia per bene. Non abbiamo mai maltrattato nostra figlia. Ora sta migliorando ed è seguita“.

Setta bimba malnutrita, i genitori smentiscono

Dietro ai problemi della bambina, sempre secondo il padre, non ci sarebbe dunque nessuna costrizione ma un disturbo che sua figlia si porta dietro da diverso tempo: “Non siamo pazzi, siamo solo due genitori in pensiero che da sempre si prendono cura della loro bimba che a soli 10 anni deve affrontare disturbi alimentari e attacchi di panico“.

La faccenda, secondo il procuratore capo di Torino Anna Maria Baldelli, resta delicata. Uno dei fatti accertati è che non ci sia stato un vero e proprio rapimento e la scelta di portare la bambina in ospedale è stata fatta dagli stessi genitori: “L’abbiamo portata noi in ospedale perché non stava bene. Perché avremmo dovuto rapirla? E’ nostra figlia, le vogliamo bene“.

TAG: setta, Torino