paga conto in moneta
|

Ragazzo ridicolizzato su Facebook perché aveva pagato il conto del ristorante con monete

Cohen Naulty ha voluto offrire una cena ai suoi amici, sfruttando i suoi risparmi messi da parte con il lavoro di cameriere. Li ha invitati nel locale Beer 88, a Lynchburg in Virginia e ha trascorso con loro una serata piacevole. Alla fine, si è recato alla cassa per pagare il conto: 45 dollari, la maggior parte dei quali presentati in monete di piccolo taglio (in modo particolare da un quarto di dollaro), il resto con una banconota da 20 dollari.

LEGGI ANCHE > La app che ti registra come fai sesso e che ti dà anche il voto

Paga conto in moneta, ecco cosa è successo a Lynchburg

Tuttavia, subito dopo aver effettuato il pagamento, Cohen si è reso conto di essere stato preso di mira dal social media manager del ristorante. La foto del conto pagato in monetine, infatti, era stata messa sui social network, accompagnata da un commento sprezzante («Ecco come non pagare al ristorante: questa è la cosa migliore che possiamo dire a proposito di questa cosa ridicola») e dall’hashtag #nohometraining, ovvero «nessuna educazione». Il post ha suscitato una serie di commenti negativi e, alla fine, è stato rimosso, così come l’account del locale.

Paga conto in moneta e viene sbeffeggiato su Facebook

«Ma è la valuta americana – ha detto Naulty -: io non ho fatto niente di illegale. Non ho fatto nulla di sbagliato». C’è stupore anche tra i suoi amici, che mai si sarebbero aspettati una reazione del genere da parte del ristorante. Evidentemente, le polemiche che sono seguite a questa vicenda – con i media locali e nazionali, compreso ABCNews che si sono occupati del caso – hanno costretto i gestori di Beer 88 a scusarsi.

In un primo momento, il post cancellato è stato definito «uno scherzo», poi è intervenuto il gestore del locale per esprimere le sue più sincere scuse al cliente, affermando di non aver vigilato correttamente sulla gestione dei social network.

Ora, lo stesso Cohen Naulty ha lanciato un’iniziativa su Facebook, sfruttando l’onda lunga del suo successo: ha chiesto infatti di ricevere come donazione più monete da un quarto di dollaro per poter pagare pasti alle persone (e ne ha racimolate per un valore di quasi 2500 dollari). Ovviamente, sperando che i ristoranti che le ospiteranno saranno più gentili del Beer 88.