Maradona senza freni: fa il dito medio al gol dell’Argentina | FOTO

di Redazione | 26/06/2018

Maradona dito medio

Esultanza smodata quella di Diego Armando Maradona, dopo il secondo gol dell’Argentina che ha permesso all’albiceleste di qualificarsi agli ottavi di finale di Russia 2018. Dopo il 2-1 con la Nigeria, infatti, la Seleccion giocherà con la Francia. La gioia dell’ex numero dieci del Napoli e della nazionale è stata incontenibile e il fuoriclasse non si è per niente trattenuto: il suo dito medio all’indirizzo di alcuni tifosi nigeriani (o, comunque, che supportavano la squadra africana) è stato immortalato dalle telecamere.

LEGGI ANCHE > Maradona contro Sampaoli: «L’Argentina non sa che fare»

Maradona dito medio: l’esultanza smodata in Nigeria-Argentina

Subito dopo il gol decisivo di Rojo, infatti, le televisioni sono andare subito a cercare Diego Armando Maradona che, nonostante sia stato trattenuto dal suo entourage, ha mostrato in maniera evidente il dito medio.

Maradona dito medio, prima c’era stata la preghiera al gol di Messi

L’Argentina ha conquistato il passaggio del turno a quattro minuti dal termine del match contro la Nigeria. Nel primo tempo, Lionel Messi si era sbloccato, segnando la sua prima rete in questo mondiale 2018. Tuttavia, la Nigeria aveva pareggiato con un rigore concesso dall’arbitro dopo aver consultato il Var. Inevitabile, quindi, la gioia dei tifosi argentini sugli spalti di San Pietroburgo. Se Maradona, dopo il primo gol di Messi sembrava pregare, alla rete decisiva di Meza è stato molto meno spirituale. E utilizziamo un eufemismo.

Partita modesta, comunque, quella dell’albiceleste, andata in difficoltà dopo il pareggio di Moses, dopo un fallo in area di rigore di Mascherano e il relativo calcio di rigore. Ci sono voluti 87 minuti per piegare la resistenza della Nigeria e passare il turno insieme alla Croazia, trionfatrice del girone (con la vittoria contro l’Islanda per 2-1). Per continuare il suo cammino nel mondiale, la Seleccion avrà bisogno di una scossa. E di meno esuberanza da parte del suo mentore.