Di Maio internet gratis
|

Di Maio ci vuole regalare mezz’ora di internet gratis al giorno

Intervenuto all’Internet Day organizzato da Agi e Censis, il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio lancia la proposta in stile compagnia telefonica. Forse per far concorrenza a Iliad – il nuovo gestore che offre minuti e sms illimitati, più 30 giga di internet al mese per 5,99 euro – l’esponente del Movimento 5 Stelle, nonché vicepresidente del Consiglio, ha parlato di mezz’ora di connessione gratuita per tutti ogni giorno.

LEGGI ANCHE > Iliad, la rivoluzione delle tariffe telefoniche stracciate arriva in Italia

Di Maio internet gratis, cosa prevede la proposta

«Internet deve essere un diritto prioritario per i cittadini e siamo al lavoro per tutelarlo – ha affermato Di Maio -. Penso alla fornitura da parte dello Stato della connessione alla rete gratis mezz’ora al giorno a chi non se la può permettere». Luigi Di Maio, oltre a lanciare l’ennesima proposta populista in stile campagna elettorale, ha anche affermato che il governo intende proseguire gli investimenti sia sulla banda ultra-larga, sia sulla rete 5G.

Luigi Di Maio, oltre a discutere di questa proposta, ha anche affermato che in sede europea, l’Italia si opporrà a tutti i costi a quella che è stata definita link tax, ovvero la previsione di un diritto per gli editori di autorizzare o bloccare l’utilizzo digitale delle loro pubblicazioni introducendo anche una nuova remunerazione per l’editore.

Di Maio internet gratis e crifica alla link tax

Secondo Di Maio, una riforma del genere potrebbe mettere definitivamente il bavaglio alla rete. Per questo motivo, la tematica andrà affrontata in forma critica in sede europea. «È inaccettabile – ha detto il ministro dello Sviluppo Economico -. E come governo ci opporremo. Faremo tutto quello che è in nostro potere per contrastare la direttiva al Parlamento europeo e qualora dovesse passare così com’è, dovremo fare una seria riflessione a livello nazionale sulla possibilità o meno di recepirla».

FOTO: ANSA/ANGELO CARCONI