Salvini e le indicazioni alla polizia postale sulle fake news: «L’informazione non è a disposizione» | VIDEO

di Redazione | 23/06/2018

Il dirigente del Compartimento di Polizia postale dell’Emilia Romagna Geo Ceccaroli è intervenuto nel contesto del Web Marketing Festival 2018 a Rimini. Intercettato dai microfoni di Giornalettismo, ha parlato del ruolo delle fake news che vengono diffuse sul web e del ruolo della polizia postale nel combatterle. Ma quando si parla di possibili nuove indicazioni da parte del neo-ministro dell’Interno Matteo Salvini non sembra ci siano informazioni a disposizione della stampa.

LEGGI ANCHE > «La lotta alle fake news di Minniti? Questi sono cretini e pericolosi»

Polizia postale e Salvini: «L’informazione non è a disposizione»

La premessa è rappresentata dal ruolo che l’ex titolare del Viminale Marco Minniti aveva avuto nella vicenda delle fake news, con una stretta collaborazione con la polizia postale e con l’introduzione di una sorta di red flag con la quale contrassegnare le false notizie circolate in rete. Ma Matteo Salvini sembra non aver affrontato il problema, almeno per il momento: «Non saprei rispondere – ha detto Ceccaroli – queste informazioni non sono a disposizione».

Importante invece il contributo del dirigente emiliano su altre tematiche: «Le fake news – afferma – sono un argomento delicatissimo perché incidono sulla libertà d’espressione dell’individuo: noi interveniamo ogni volta che notiamo un comportamento che possa toccare il singolo interessato e che quest’ultimo denuncia l’accaduto».

«La polizia postale – ha affermato Ceccaroli – è attenta a tutto quello che accade in rete. Noi visitiamo tutte le fonti aperte. Quando rileviamo una possibile infrazione, avvisiamo subito la magistratura competente che avvia un’indagine o sull’intero sito o sulle pagine direttamente interessate dalla violazione».