Maradona incendia l’ambiente Argentina: «Sampaoli non sa che fare, squadra senza soluzioni»

di Redazione | 23/06/2018

Maradona contro Sampaoli

Non è proprio il momento di fare proclami del genere, con l’Argentina già sull’orlo della crisi di nervi. Eppure, il più importante calciatore del Paese non riesce a trattenersi. Maradona contro Sampaoli, El Pibe de Oro lancia il suo guanto di sfida all’attuale commissario tecnico della Seleccion a Russia 2018, affermando che – anche per colpa sua – la squadra non sa che fare.

LEGGI ANCHE > Sampaoli zimbello del web e ammutinamento: Messi e compagni lo vogliono mandare via subito

Maradona contro Sampaoli e contro tutti i calciatori Argentini

Diego Armando Maradona è intervenuto ai microfoni della trasmissione argentina La mano del Diez sull’emittente Telesur, attaccando duramente il gruppo di calciatori che sta partecipando al mondiale in Russia: «Ho una rabbia dentro il petto che non riesce ad esplodere: quest’Argentina non sa a cosa giocare, non ha soluzioni per nulla, né a centrocampo né in difesa né in attacco». Tutti sotto esame, dunque, dall’allenatore a Lionel Messi, incapace nella disfatta contro la Croazia (l’Argentina ha perso 3-0) di prendere per mano la squadra.

Ora, l’albiceleste avrà senz’altro un’altra chance per qualificarsi agli ottavi di finale: battendo la Nigeria, infatti, potrebbe accedere alla fase a eliminazione. Ma per ritrovare il bandolo della matassa, la squadra avrebbe bisogno di tranquillità e non di continui attacchi. Attacchi che arrivano anche dall’interno dello spogliatoio, con i calciatori – il Kun Aguero in testa – che avrebbero chiesto la testa di Jorge Sampaoli.

Maradona contro Sampaoli, destabilizzerà ulteriormente l’ambiente?

Diego Armando Maradona è scettico anche nei confronti del commissario tecnico, considerato troppo calcolatore e dalle scarse soluzioni tattiche in campo: «La gente credeva che Sampaoli risolvesse i problemi con i computer e i droni…». L’intervento del Pibe de Oro destabilizzerà ancor di più l’ambiente oppure darà quella svolta necessaria a modificare completamente gli assetti di un mondiale che, fino a questo momento, sembra essere stregato?