Valentina, ragazza di Roma rifiutata al lavoro: «A noi servono donne e non maschi mancati»

di Redazione | 21/06/2018

Roma Valentina

Pensava di mettere da parte qualche spicciolo con un lavoro che non pagava molto, ma che poteva garantirle magari un’entrata in più. Valentina è una ragazza di Roma che si era rivolta a un banco presente alla manifestazione Lungotevere in Festa 2018 per rispondere all’annuncio di lavoro per animazione in piazza Belli. Dopo aver chiesto informazioni circa la paga e il luogo dove prestare la propria attività, Valentina si sente rispondere: «Guarda, ho visto il tuo profilo. Inutile che vieni, a noi servono ragazze di bella presenza. Donne, non maschi mancati. Sbagli a comunicare».

LEGGI ANCHE > Nella giornata mondiale contro l’omofobia si spacca il mondo LGBT di Bologna

Roma Valentina, la chat per l’assunzione diventa discriminatoria

Così il problema del genere entra nuovamente in maniera prepotente come discriminante per assegnare posti di lavoro. La storia di Valentina è stata segnalata dalle sue amiche alle associazioni Spyit e Gay Help Line, che hanno divulgato la chat con la possibile datrice di lavoro della ragazza. La richiesta di informazioni si è trasformata in una sorta di dialogo sulle scelte di vita e sui modi di presentarsi, assolutamente non richiesto dalla diretta interessata.

«Mi hai contattata per un lavoro da ragazza – scrive la titolare dell’esercizio che ha inserito l’annuncio sul web -. Nessuno punta il dito: ti ho solo risposto che non sembri una ragazza e che non vai bene per quello che cerchiamo. Se ti conci male è un problema mio? Quello che decidi di fare per la tua vita è un problema tuo. Da noi non verrai mai a lavorare perché non rispondi ai requisiti di femminilità che cerchiamo».

La conversazione va avanti con tante altre «amenità» come questa: Valentina riesce a mantenere una calma invidiabile, evitando di dare delle risposte scortesi.

Roma Valentina, la denuncia delle associazioni LGBT e l’appello alla Raggi

In Valentina si è immedesimato tutto il mondo LGBT che comunica in rete. Ma non solo. Anche altre associazioni sono solidali con la ragazza. Fabrizio Marrazzo, Portavoce di Gay Center e Responsabile del numero verde Gay Help Line 800 713 713, ha affermato: «Riteniamo molto grave quanto è avvenuto non si possono discriminare le assunzioni di dipendenti in base all’orientamento sessuale, come da art. 3 a del Decreto Legislativo n. 216 del 9 luglio 2003. Pertanto chiediamo alla Sindaca Virginia Raggi di revocare la licenza dello stand presente nella manifestazione Lungotevere in festa 2018. Inoltre, facciamo appello a tutte le istituzioni, al fine che attivino politiche contro le discriminazioni sul lavoro, perchè come dimostra questo caso spesso le persone lesbiche, gay e trans, non riescono neanche ad accedere al mondo del lavoro».