volantino
|

Elezioni a Pisa, l’indecente volantino con la donna con il burqa

Un volantino elettorale con l’immagine di una donna che indossa il burqa ad indicare una ‘minaccia’ islamica. È l’indecente iniziativa che qualche stupido sostenitore di uno dei candidati in campo ha deciso di diffondere a Pisa. Nel capoluogo di provincia toscano domenica prossima, 24 giugno, si vota per il ballottaggio delle Elezioni Amministrative. A sfidarsi sono Michele Conti e Andrea Serfogli, candidati a sindaco rispettivamente per la coalizione di centrodestra e per lo schieramento di centrosinistra.

Sui social volantino elettorale per il ballottaggio a Pisa con la foto di una donna con il burqa

Sui social network è comparso un volantino che invita a votare per Conti con la foto di una donna con il burqa e un bambino in braccio e la domanda a fare da titolo: «Sarà questo il futuro di Pisa?». «Decidi tu…», c’è poi scritto. Più in basso due caselle con i nomi dei due candidati alla carica di primo cittadino e la croce su Conte. Ovviamente non è chiaro chi sia responsabile del messaggio elettorale, chi abbia commissionato il volantino. Sul foglio non è indicato nemmeno chi lo abbia stampato. È da escludere (fino a prova contraria) che ci sia una responsabilità di candidato a sindaco o altri politici. È evidente la gravità della diffusione di un messaggio fuorviante.

 

volantino
(Foto via Facebook)

 

 

Kinzica Sorrenti, una social media manager che su Facebook ha condiviso l’immagine del foglio, sulla sua bacheca ha scritto: «Ora, questo volantino indecente, fuorviante, falso e pericolosissimo è arrivato nelle case di alcuni pisani (sicuramente all’Isola Verde). Chiedo ai contatti avvocati (oppure ai vostri), questa ‘pubblicità comparativa’ ingannevole è passibile di denuncia? No perché lavorando in pubblicità so che negli anni si è fatto molto per tutelare il consumatore (fino quasi ad azzerare i margini di creatività per certi settori) spero bene che sia stato fatto altrettanto per tutelare i cittadini».

(Immagini via Facebook)

TAG: Pisa