La risposta che la New York University ci ha dato sul curriculum di Giuseppe Conte

di Gianmichele Laino | 23/05/2018

New York University

La conferma di quanto anticipato dal New York Times, in un articolo a firma Jason Horowitz, arriva direttamente dalla New York University che ha risposto a una mail in cui Giornalettismo chiedeva chiarimenti sulla vicenda del curriculum di Giuseppe Conte. La persona indicata come prossimo presidente del Consiglio di un governo M5S-Lega, infatti, aveva affermato che «dall’anno 2008 al 2012 ha soggiornato, per ogni estate e per periodi non inferiori a un mese, persso la New York Univeristy, per perfezionare e aggiornare i suoi studi».

New York University

LEGGI ANCHE > Sergio Mattarella valuterà i curriculum di Giuseppe Conte e dei ministri

New York University, la risposta a Giornalettismo sul curriculum di Giuseppe Conte

La risposta della New York University, in proposito, è stata eloquente: «Come già indicato dalla NYU, dall’esame dei nostri registri non risulta che Giuseppe Conte abbia frequentato l’Università come studente o che sia stato nominato membro della facoltà. Nonostante il signor Conte non avesse uno status ufficiale alla NYU, gli è stato concesso il permesso di condurre ricerche alla biblioteca di Legge della New York University tra il 2008 e il 2014 e ha invitato un professore di giurisprudenza della NYU a far parte del consiglio di una rivista italiana di diritto»

New York University

New York University conferma la versione del NY Times

Dall’ufficio delle relazioni con il pubblico, la dottoressa Michelle Tsai ha sostanzialmente confermato la versione del New York Times. Le parole utilizzate da Giuseppe Conte nel suo curriculum «soggiorno» e «perfezionamento» hanno infatti una corrispondenza ben precisa in ambito accademico. Indicare una frequentazione dell’univeristà all’interno di un curriculum – studiare all’interno della sua biblioteca, passeggiare per i suoi corridoi, entrare nell’ufficio di un docente con cui si ha un appuntamento – non aggiunge molto al bagaglio di esperienze del soggetto interessato.

Rappresenta, certo, un punto a favore di Giuseppe Conte, incarna il suo spirito di ricerca e la sua voglia di consocenza di altri ambiti accademici. Ma il perfezionamento si realizza secondo modalità e, soprattutto, tempistiche diverse. I tentativi di far corrispondere la versione della New York University a quella utilizzata dai difensori del curriculum di Giuseppe Conte sembrano davvero equilibrismi molto fragili.