Marcello Mazzarella
|

L’attore di Baarìa è disperato: «Mio figlio arrestato in Giappone per aver investito una donna con la bici»

L’appello è di quelli accorati, propri dei genitori che parlano dei loro figli. L’attore Marcello Mazzarella, noto per la sua interpretazione in Baarìa ma anche in altri film e serie televisive, ha ringraziato sui propri social network le persone che hanno voluto comunicare la propria solidarietà per la vicenda del figlio dell’attore, detenuto in Giappone per aver investito, in bici, una donna.

LEGGI ANCHE > Attore di fiction sale sul bus senza biglietto e picchia il controllore

Marcello Mazzarella, la denuncia su Facebook

«L’amore di un padre, la mia determinazione, il fatto che sono Siciliano di sangue, la Vostra fratellanza mi danno una forza incredibile – ha scritto su Facebook -. Sono qui per combattere e lo farò come sempre per dare luce all’unica forma di Giustizia possibile. Conto su tutta la solidarietà dei Siciliani, del mondo del Cinema e di tutti voi che avete un cuore nobile. Sono vicino a mia figlia e alla madre di Piero e a tutti coloro che lo conoscono. Gli angeli continuano a lavorare per risolvere al meglio».

Il figlio di Marcello Mazzarella, Piero Vincent, è stato arrestato lo scorso 2 maggio, nel corso di una sua vacanza in Giappone che sarebbe dovuta terminare il 10 maggio. Ha investito con la sua bicicletta una donna, causandole delle fratture all’osso del bacino. Attualmente, è in stato di fermo nella caserma di Ikegami e potrebbe essere trattenuto per 23 giorni in totale prima che venga formulato il suo capo di imputazione.

Marcello Mazzarella e la preoccupazione per il figlio in Giappone

Che potrebbe portare, addirittura, a una condanna fino a cinque anni per lesioni. Nonostante il ragazzo abbia assistito la vittima dell’incidente e nonostante non abbia alcun tipo di precedente. Per questo motivo, il ministero degli Esteri sta valutando l’episodio e sta monitorando l’evolversi della situazione. «Sono preoccupato – dice Mazzarella – perché non riesco a comunicare con mio figlio. Ma l’importante è che venga liberato».