Sergio Mattarella conquista Le più belle frasi di Osho

di Andrea Mollica | 09/05/2018

Mattarella

Sergio Mattarella ha un nuovo sostenitore sui social media: Osho, o meglio la pagina Le più belle frasi di Osho, curata dal romano Federico Palmaroli. Negli ultimi giorni le vignette politiche più popolari su Facebook stanno indicano una simpatia sempre più marcata per il presidente della Repubblica. Un consenso derivato dalla grande correttezza istituzionale mostrata da Sergio Mattarella, che nonostante settimane ricche di veti ed evidente gioco del cerino non si è rassegnato a lasciare l’Italia senza un governo.Mattarella

Sergio Mattarella conquista Le più belle frasi di Osho

Lunedì scorso, nella giornata più difficile dalle elezioni del 4 marzo, Federico Palmaroli in arte “Osho” ha scritto «Pora stella…anzi troppo bravo è stato», riferendosi in modo ambiguo alle consultazioni tra il presidente della Repubblica e i tre leader del centrodestra, Salvini, Berlusconi e Meloni. Il “pora stella” potrebbe anche riferirsi a Silvio Berlusconi assonnato che non ha disturbato la consultazione, ma è stato interpretato da molti, sia su Facebook nei commenti così come sui media, come un complimento di “Osho” a Mattarella. La simpatia del vignettista verso il capo dello Stato è invece più evidente nella vignetta in cui si vede Sergio Mattarella sull’area presidenziale, mentre dice a un jet che l’accompagna di conoscere la strada per la sua “fuga”.

 

Mattarella

LEGGI ANCHE> ROCCO CASALINO HA LO SGUARDO STRAVOLTO MENTRE GUARDA LUIGI DI MAIO A DIMARTEDÌ

Federico Palmaroli su Le più belle frasi di Osho ha immaginato una fuga del presidente della Repubblica, umanemente comprensibile vista l’impossibilità di fare un governo e dopo infinite trattative coi leader politici.  Palmaroli cura una delle pagine Facebook più seguite in Italia sulla politica grazie alla sua satira efficace, e l’apprezzamento crescente per Sergio Mattarella segnala l’aumento di popolarità del presidente della Repubblica. Il popolare “Osho” ha dichiarato di aver votato Msi e poi AN prima del M5S, e ha una cultura politica certo distante dalla sinistra democristiana dell’attuale capo dello Stato

 

Il presidente della Repubblica è arrivato a quasi metà del suo mandato con un stile molto meno visibile rispetto al suo predecessore Napolitano, ma la gestione della crisi seguita alle ultime politiche ha evidenziato l’apprezzamento per il suo operato della maggioranza degli italiani. Al momento nessun leader politico, tranne Giorgia Meloni, è stata critica nei suoi confronti.