premio nobel
|

Il premio Nobel per la letteratura 2018 non verrà assegnato per lo scandalo molestie sessuali

Il premio Nobel per letteratura quest’anno non verrà assegnato a causa dello scandalo molestie sessuali che ha danneggiato l’immagine dell’Accademia di Svezia che assegna il prestigioso riconoscimento. È stata la stessa Accademia a rendere nota la decisione ed è la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale che il premio non viene assegnato. Il premio Nobel per la letteratura verrà assegnato l’anno prossimo.

Il Premio Nobel per la letteratura 2018 non assegnato

La decisione è stata presa durante la riunione settimanale tenuta a Stoccolma ed è stata motivata proprio dallo scandalo delle molestie sessuali, oltre che da quello legato a reati finanziari. Si è «arrivati» alla decisione – si legge nel comunicato dell’Accademia – alla luce della «diminuita» reputazione dell’Accademia e della «ridotta» fiducia del pubblico nell’istituzione. Il 19 aprile un altro membro dell’Accademia aveva annunciato le sue dimissioni, portando a sei il numero totale di membri che hanno lasciato l’istituzione nelle scorse settimane. Il premio Noberl per la letteratura è stato assegnato per la prima volta nel 1901 e non era stato assegnato finora solo sette volte: negli anni 1914, 1918, 1935, 1940, 1941, 1942, 1943 (rifiutato nel 1958 e nel 1964). Il 2018 rappresenta l’ottavo caso.

Lo scandalo delle molestie sessuali

La vicenda delle molestie sessuali ha come protagonista il marito di uno dei membri dell’Accadedia, la poetessa Katarina Frostenson. Si tratta del fotografo franco-svedese Jean-Claude Arnault. L’uomo, che si dice innocente, è stato accusato da 18 donne di averle aggredite o violentate tra il 1996 e il 2017. Nei giorni scorsi lo stesso Arnault è stato anche coinvolto in un nuovo scandalo. Il fotografo avrebbe molestato la principessa Vittoria di Svezia. Stando a quanto riferito da tre testimoni al quotidiano locale Svenska Dagbladet, nel 2006, durante un evento all’Accademia, Arnault avrebbe «palpeggiato» la principessa, poi soccorsa da una assistente che si è «lanciata sul fotografo e lo ha allontanato con la forza». La famiglia reale non ha commentato le accuse ma ha diffuso una nota di sostegno al movimento #metoo, lanciato negli Stati Uniti dopo lo scandalo che ha coinvolto il famoso produttore cinematografico Harvey Weinstein.

(Foto Zumapress da archivio Ansa)