Kevin Prasad
|

Voleva uscire con una sua collega e per questo le ha ammazzato il fidanzato

La donna si stava trasferendo a Las Vegas, insieme al suo fidanzato e al suo bambino di 3 anni. Troppo per Kevin Prasad, un 31enne che cercava disperatamente di uscire con lei. Allora, ha seguito il compagno della donna – che è anche una sua collega di lavoro -, ha atteso che lei scendesse dall’automobile e ha sparato cinque colpi contro di lui. Ora, Kevin Prasad è accusato di omicidio di primo grado e rischia l’ergastolo o la pena di morte.

LEGGI ANCHE > Stati Uniti, sputa nel panino del cliente e viene licenziata | VIDEO

Kevin Prasad, le cause che lo hanno portato a compiere il delitto

Succede tutto nei pressi di San Francisco e a condurre le indagini sono – secondo il Washington Post –   gli agenti del distretto di San Mateo. Il responsabile Steve Wagstaffe ha chiarito le circostanze in cui è avvenuto il delitto. Mark Mangaccat era il compagno della donna che gli agenti hanno trovato in lacrime, non appena si è verificato il delitto. Immediatamente è stata interrogata sulla vita dell’uomo, sulle sue frequentazioni, su possibili legami con la criminalità organizzata.

Poi ha avuto il lampo che ha chiarito tutto: «Un attimo, al lavoro c’è un uomo che ha provato più volte a uscire con me» – ha affermato la donna che ha fornito le generalità di Kevin Prasad. Gli agenti si sono immediatamente precipitati ad arrestarlo e hanno scoperto che quella notte ha portato a termine il suo omicidio premeditato con la collaborazione di un complice, Donovan Matthew Rivera, che lo ha accompagnato nel suo folle proposito.

Kevin Prasad aveva fatto più volte avance alla donna

Il 25 aprile era stato l’ultimo giorno di lavoro della donna al San Francisco International Airport, dove svolgeva la mansione di addetta alla sicurezza proprio insieme a Prasad. Aveva appena comunicato a quest’ultimo la sua intenzione di trasferirsi a Los Angeles. Prasad, che da mesi cercava di intrattenere – non ricambiato – una relazione con lei e che le aveva addirittura regalato un anello, aveva disperatamente gridato: «Non partire!».

Da qui, con ogni probabilità, la decisione di uccidere il compagno della donna. Ora, Steve Wagstaffe vuole vederci chiaro nella vicenda: «Scoprirò tutto di loro, partirò dal momento in cui i protagonisti di questa storia frequentavano l’asilo».