Giorgia Meloni
|

Giorgia Meloni prende in giro Luigi Di Maio dedicandogli una canzone di Cesare Cremonini: «Nessuno Vuole Essere Robin»

Giorgia Meloni prende in giro Luigi Di Maio dedicandogli una canzone di Cesare Cremonini: «Nessuno Vuole Essere Robin». La leader di Fratelli d’Italia ha condiviso su Facebook il video della canzone tratta dal nuovo album “Possibili Scenari” del cantante, con una frase molto ironica dedicata al capo politico del M5S.

Giorgia Meloni prende in giro Luigi Di Maio dedicandogli una canzone di Cesare Cremonini: «Nessuno Vuole Essere Robin»

«Dedico il titolo di questa canzone a Luigi di Maio: “nessuno vuole essere Robin” ma per essere Batman devi vincere le elezioni», ha scritto Meloni. Un nuovo attacco dopo quello pubblicato subito dopo le consultazioni con la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, dopo le quali Di Maio si era detto disponibile solo ad avere un appoggio esterno di Forza Italia e Fratelli d’Italia a un governo da lui presieduto.

 

LEGGI ANCHE> MARCO TRAVAGLIO PRENDE IN GIRO IL GIORNALE PER LA NOTIZIA SUL SUO ARRIVO AL TG1, E PROPONE MILENA GABANELLI

Una proposta, ovviamente, respinta con sdegno dai due partiti alleati della Lega, tanto che Giorgia Meloni l’ha bollato come un tentativo disperato.  In queste settimane la leader di FdI è stata piuttosto marginale nella crisi seguita alle elezioni politiche del 4 marzo, anche per il deludente risultato del suo partito.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni all’apertura del Vinitaly 2018 a Verona il 15 aprile 2018. ANSA/FILIPPO VENEZIA

La presa in giro di Di Maio con una canzone di Cesare Cremonini indica come una parte sempre più significativa del centrodestra è ormai così ostile al capo politico dei Cinque Stelle da ricorrere apertamente al dileggio, tanto da prenderlo in giro per la sua volontà di essere Batman. Un soprannome che aveva reso famoso Franco Fiorito, politico che ha militato nei partiti di Giorgia Meloni, Msi e AN, e reso celebre per uno scandalo legato all’utilizzo dei fondi del gruppo regionale per cui è stato condannato in appello.