Real Madrid-Juventus, la rissa negli spogliatoi del Bernabeu iniziata da Marcelo

di Gianmichele Laino | 13/04/2018

rissa Real Madrid-Juventus

Dopo le parole grosse negli spogliatoi di Cardiff, quelle del Santiago Bernabeu. La Repubblica – in un articolo a firma dell’inviato Emanuele Gamba – parla di una rissa Real Madrid-Juventus nella pancia dello stadio della città spagnola, dopo che – qualche minuto prima – Cristiano Ronaldo aveva messo a segno il calcio di rigore dell’1-3 che ha consegnato la qualificazione alle semifinali di Champions League ai Blancos.

LEGGI ANCHE > Chiellini accusa i calciatori del Real Madrid di aver pagato l’arbitro | VIDEO

RISSA REAL MADRID-JUVENTUS: IL RACCONTO DI REPUBBLICA

Secondo quanto riportato da Repubblica, a iniziare la rissa sarebbe stato il terzino del Real Madrid Marcelo, tra i più nervosi negli ultimi minuti del match e tra i più attivi nel parapiglia seguito all’assegnazione del calcio di rigore e alla relativa espulsione del portiere della Juventus Gianluigi Buffon.

In realtà, nel tunnel degli spogliatoi ci sarebbe stata anche una sorta di continuazione del battibecco avuto dall’allenatore Massimiliano Allegri e dal difensore del Real Madrid Sergio Ramos. Quest’ultimo – che era squalificato – non avrebbe potuto trovarsi in panchina negli ultimi minuti della partita. Sui retroscena legati alla Juventus, il quotidiano La Repubblica si è sempre dimostrato una fonte molto attendibile: è stato proprio questo giornale, infatti, a rivelare i dettagli della rissa negli spogliatoi di Cardiff, nel corso della finale di Champions League dello scorso anno.

RISSA REAL MADRID-JUVENTUS: POSSIBILI SANZIONI?

Inoltre, l’inviato della testata ha parlato in maniera esplicita di possibili «sanzioni Uefa», con probabile riferimento sia ai fatti avvenuti in campo (con Giorgio Chiellini che ha scandito la frase «you pay, you pay», accompagnata dal classico gesto dei soldi cash), sia al relativo contorno. Probabile, dunque, che lo strascico di Real Madrid-Juventus continui anche nei prossimi giorni e in sedi diverse rispetto a quella di un terreno di gioco. Tra qualche giorno, comunque, il giudice sportivo dell’UEFA renderà manifeste eventuali sanzioni, da una parte e dall’altra. E – nel frattempo – non si è ancora registrata alcuna smentita ufficiale dalla Juventus a commento della presunta rissa raccontata da Repubblica nell’edizione di oggi.