L’ambasciata russa a Londra si felicita per le dimissioni di Yulia Skripal dall’ospedale

di Redazione | 10/04/2018

yulia skripal

Nel tentativo di continuare a proporsi come vittima e non carnefice, la Russia si è congratulata per la guarigione di Yulia Skripal, vittima di un avvelenamento con il gas nervino avvenuto il 4 marzo scorso a Salisbury mentre era in compagnia del padre, ex spia russa.

Mentre Londra continua a indicare (senza prove) Mosca come colpevole dell’attacco, il Cremlino respinge al mittente le accuse.

LEGGI ANCHE > Caso Skripal. Il Regno Unito non ha le prove che il gas nervino provenga dalla Russia

La 33enne è stata dimessa dall’ospedale e ha chiesto di rispettare il silenzio. “Le dimissioni dall’ospedale non sono la fine delle cure, ma segnano una pietra miliare significativa – ha dichiarato la direttrice dell’ospedale di Salisbury Chrisine Blanshard – voglio anche cogliere questa opportunità per fare i miei auguri di pronta guarigione a Yulia“.

Skripal, una volta ripresa coscienza, ha anche voluto mandare un messaggio al pubblico: “Mi sono svegliata più di una settimana fa e sono felice di dire che la mia forza sta crescendo ogni giorno. Sono grata per… i molti messaggi che ho ricevuto“.

Anche Sergei Skripal è dato in netto miglioramento, anche se il suo recupero è più lento rispetto alla figlia. “Venerdì, ho annunciato che non era più in condizioni critiche – ha proseguito Blanshard – anche se si sta riprendendo più lentamente di Yulia, speriamo che anche lui possa lasciare l’ospedale a tempo debito”.

L’avvelenamento dell’ex spia russa ha provocato una forte crisi diplomatica tra il Regno Unito (insieme a Stati e Unione Europea) e la Russia.