Il giallo del ragazzo sparito e trovato morto a Positano dopo la discoteca

di Redazione | 03/04/2018

positano

Un ragazzo ventenne di Napoli, Nicola Marra, è stato trovato morto ieri a Positano in fondo a un dirupo a un giorno dall’allarme per la sua scomparsa. Del giovane si erano perse le tracce da quando, intorno alle 4 del mattino di domenica, era uscito ubriaco dalla discoteca dove aveva trascorso la notte con alcuni amici. Era stata la famiglia a lanciare l’allarme. La caduta è stata forse causata da un malore.

Positano, la scomparsa del ragazzo all’uscita dal locale

Nicola aveva trascorso la notte tra sabato e domenica al Music on the Rocks e, stando al racconto di alcuni amici che erano stati con lui nel locale, si trovava in evidente stato di alterazione. La sua comitiva gli aveva perfino nascosto portafogli e chiavi della macchina per evitare che continuasse a consumare drink alcolici o si mettesse al volante. Come ricostruisce Il Mattino di Napoli in un articolo a firma di Petronilla Carillo, non era la prima volta che accadeva. «Nicola quando era ubriaco andava fuori di testa», è stata la testimonianza degli amici del ragazzo ai carabinieri della compagnia di Amalfi. A fine serata il giovane ha lasciato due amiche fuori al locale iniziando a risalire il centro di Positano per arrivare alla sua auto parcheggiata sulla Amalfitana. È stato l’ultimo momento in cui gli amici lo hanno visto vivo. Le amiche, dopo averlo aspettato per un po’, hanno deciso di tornare a casa approfittando del passaggio di un altro amico.

La scena catturata dalle telecamere di sorveglianza

Si legge sul Mattino che i carabinieri hanno percorso a ritroso tutta la strada fatta a piedi da Nicola all’uscita dalla discoteca, dal locale alla sua auto, e poi a una stradina che conduce a Montepertuso. Il ragazzo è spuntato anche nelle immagini di telecamere di sorveglianza:

È proprio sulla strada Amalfitana che gli investigatori hanno perso le sue tracce seguite, fino ad un certo punto, anche con l’aiuto delle immagini delle telecamere di sorveglianza del locale e di quelle posizionate lungo tutto il centro cittadino. L’ultima scena video è quella di Nicola che apre l’auto, entra nell’abitacolo, esce, richiude la vettura, si toglie la camicia, la mette tra i denti e inizia a salire la stradina di montagna. Forse, ipotizzano gli inquirenti, perché voleva smaltire un po’ lo stato confusionale prima di mettersi in auto. Da lì il black out. Unica traccia, il ritrovamento della camicia, in parte strappata,da parte di alcuni residenti lungo la strada che porta a Nocelle.

L’ipotesi che sembra più probabile per la caduta di Nicola è quella della perdita del malore. Il ragazzo potrebbe aver perso il senso della distanza e aver avuto un giramento di testa che lo hanno fatto cadere nel vuoto. Il corpo senza vita è stato recuperato da un gruppo di speleologi e poi caricato su un elicottero.

(Immagine da un post per le ricerche di Nicola Marra circolato su Facebook)