probabilità caduta Tiangong 1
|

È più probabile morire colpiti da un fulmine che dalla stazione Tiangong 1

Abbiamo più probabilità di morire di un incidente d’auto, in un incendio, per causa di un tornado o di un fulmine piuttosto che per un pezzo della stazione spaziale cinese Tiangong 1.

In questi giorni si parla della caduta della stazione spaziale cinese che entrerà nella nostra atmosfera il primo aprile, a Pasqua. I pezzi, in disintegrazione, possono cadere sulle nostre teste? In realtà la probabilità è molto scarsa, appena lo 0,2%, secondo il Dipartimento nazionale della Protezione civile. La probabilità di essere colpiti da un frammento della stazione spaziale è pari a 1 su 100.000 miliardi.

LEGGI ANCHE > SI PARLA TANTO DI CAMBRIDGE ANALYTICA MA LA GENTE CONDIVIDE BUFALE COME QUESTA

Le scarse probabilità caduta Tiangong 1 in Italia

Il rischio è previsto su una fascia di territorio interessata che va dall’Emilia Romagna al sud del Paese. La fascia oraria quella delle 10,25 (ora di Greenwich). Con un tempo di previsione di impatto dall’avvistamento radar intorno ai 40 minuti. Attualmente è aperto un tavolo con ASI, Ministero Difesa e tutte le strutture interessate. Ci sarà un sistema in grado di avvisare per tempo la zona prevista. Anche se, davvero, la statistica è dalla nostra parte.

Nel 2014 – secondo quanto stilato da Focus tempo fa – il professor Stephen A. Nelson ha pubblicò un paper con alcuni calcoli probabilistici. Secondo Nelson le probabilità di esser colpiti da una oggetto spaziale sono mediamente una su 1.600.000, mentre quella di morire in un incidente d’auto è più alta (una su 90) o in un incendio (una su 250), o in un tornado (una su 60mila) o fulmine (una su 135mila). Non solo: è più probabile, ad esempio, vincere al superenalotto che venire colpiti e uccisi da un meteorite.

State tranquilli ora?

( Il rientro della stazione spaziale cinese Tiangong-1,  lanciata sette anni fa, è costantemente monitorato da una serie di istituzioni tra cui è presente anche l’ASI con il Centro di Geodesia Spaziale di Matera. Foto copertina da video Aisi)