Selvaggia Lucarelli si augura che Giulia Bongiorno presidente del Senato sia «una boutade»

di Gianmichele Laino | 20/03/2018

giulia bongiorno presidente senato

Il totonomi per la presidenza del Senato (così come per quella della Camera) sta già occupando le colonne dei principali quotidiani. Si avvicina, infatti, sempre di più la data x del 23 marzo quando – da calendario – ci sarà la prima seduta del Senato per l’elezione della seconda carica dello Stato. Fino a questo momento, il nome più gettonato sembrava essere quello di Roberto Calderoli, il senatore leghista grande esperto di regolamenti parlamentari. Tuttavia, le sue quotazioni sono scese improvvisamente nelle ultime ore.

LEGGI ANCHE > Hunziker contro Selvaggia annuncia querele

GIULIA BONGIORNO PRESIDENTE SENATO, IL POST DI SELVAGGIA

Fermo restando, dunque, che la presidenza del Senato sembra essere rivendicata dalla Lega, si sta parlando di un nome che potrebbe essere più condiviso anche da altre forze politiche. Ovvero, quello dell’avvocato Giulia Bongiorno, eletta in quota Carroccio. La notizia, ovviamente, ha già fatto il giro del web ed è stata commentata da diversi analisti politici.

Il commento al vetriolo, tuttavia, è quello di Selvaggia Lucarelli che – su Twitter – ha voluto esprimere il proprio parere sull’eventuale elezione di Giulia Bongiorno: «Spero che l’ipotesi Giulia Bongiorno seconda carica dello stato sia una boutade»

GIULIA BONGIORNO PRESIDENTE SENATO, L’ORIGINE DELLO SCREZIO

Ovviamente, il giudizio di Selvaggia Lucarelli è pesantemente condizionato da una vicenda che risale a febbraio: la direttrice di Rolling Stone, infatti, ha denunciato il fatto che l’associazione Doppia Difesa (fondata proprio da Giulia Bongiorno e la showgirl Michelle Hunziker) non stia rispondendo a diverse richieste da parte di donne in difficoltà. Lo scopo di Doppia Difesa, infatti, dovrebbe essere quello di offrire assistenza alle donne vittime di violenza.

La vicenda tra la Lucarelli, Michelle Hunziker e la Bongiorno è andata avanti per diverse settimane, a suon di articoli sui quotidiani e carte bollate (con le due fondatrici di Doppia Difesa che hanno manifestato l’intenzione di querelare la stessa Lucarelli).

(Foto: ANSA / CLAUDIO PERI)