Giovinazzo, esplodono le richieste per avere il reddito di cittadinanza dopo la vittoria del M5S

di Andrea Mollica | 08/03/2018

reddito di cittadinanza marino

Giovinazzo è uno dei tanti comuni del Sud dove il M5S ha trionfato alle elezioni politiche del 2018. In questa cittadina pugliese, in provincia di Bari, di 20 mila abitanti i Cinque Stelle hanno sfiorato il 40% alla Camera dei Deputati.

Giovinazzo, esplodono le richieste per avere il reddito di cittadinanza dopo la vittoria del M5S

La candidata del M5S nel collegio uninominale di Molfetta, dove è stato inserito Giovinazzo, Francesca Galizia, è stata eletta col 43%. Benché il M5S non sia arrivato al governo, numerosi cittadini di Giovinazzo, come racconta la Gazzetta del Mezzogiorno di oggi, hanno contattato i Caf locali per sapere come ottenere il reddito di cittadinanza. Come spiega Mino Ciocia, all’inizio i dipendenti dei patronati pensavano fosse uno scherzo o poco più, ma quando le telefonate si sono moltiplicate ai Caf si sono resi come molte persone davvero pensassero di poter ricevere il reddito di cittadinanza.

LEGGI ANCHE > GIORGIO CHIELLINI PIANGE IN TV RICORDANDO DAVIDE ASTORI| VIDEO

Il sussidio economico a chi non lavora e vive in un nucleo familiare che ha un reddito al di sotto della soglia di povertà è una delle misure chiave del M5S, che da anni lo sostiene. A Giovinazzo il reddito di cittadinanza ha avuto così tanto successo che molte persone hanno pensato di poterlo già richiedere.

 

Uno degli operatori dei Caf della cittadina pugliese ha raccontato come dopo la spiegazione ricevuta sull’impossibilità di avere un modulo per ottenere il reddito di cittadinaza diverse persone, non convinte, abbiano chiamato gli uffici comunali. La maggior parte delle telefonate ai Caf, scrive la Gazzetta del Mezzogiorno, è stata effettuata da giovani, disoccupati e con titolo di studio non elevato. La protesta è stata scandita con frasi come  «Ma l’ho sentito per televisione!».

 

 

Una dipendente del Caf della Uil, Valeria Adriano , spiega alla Gazzetta del Mezzogiorno come «ognuno coglie quello che più gli interessa.Poi le amare sorprese. Non è semplice per noi far capire a queste persone che si tratta di promesse elettorali. Che non esistono moduli e che persino sul reddito di cittadinanza non c’è nessuna legge approvata. Dobbiamo anche spiegare che ci vorrà del tempo prima che tutto diventi operativo, ammesso che la promessa infine sia mantenuta».

Foto copertina: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI