Guido Bagatta dice no a Di Maio: «Non farò il ministro dello Sport M5S»

di Redazione | 27/02/2018

Guido Bagatta

Guido Bagatta non farà parte del governo M5S guidato da Luigi Di Maio. Il noto giornalista, imprenditore e conduttore TV ha pubblicato sul suo profilo Twitter un collegamento a un pezzo di Meteoweb.eu, dove è ripreso un lancio dell’agenzia AdnKronos.

Guido Bagatta dice no a Di Maio: «Non farò il ministro dello Sport M5S»

All’Adkronos Bagatta ha confermato di aver avuto un piacevole confronto con Luigi Di Maio, che ha ringraziato per la stima e fiducia dimostrata nell’avergli offerto di entrare nella lista dei ministri come titolare del dicastero dello Sport.

LEGGI ANCHE > LE 4 DOMANDE SULLA SCIENZA A ROBERTO BURIONI

Guido Bagatta ha però rimarcato come a causa di una serie di problematiche legate al suo lavoro di giornalista e di imprenditore non ci siano le condizioni per accettare un incarico istituzionale così importante come quello di ministro dello Sport. Luigi Di Maio riceve così un altro rifiuto, per quanto cortese, a entrare nella sua squadra di governo, in realtà fittizia.

Solo se il M5S ottenesse una improbabile maggioranza assoluta la lista di ministri che il candidato premier dei Cinque Stelle presenterà alla stampa avrà una chance di concretizzarsi in un esecutivo. Al netto delle future decisioni che prenderà in merito il capo dello Stato Mattarella, a cui spetta il compito di nominare i componenti del consiglio dei ministri, su proposta del presidente del Consiglio.

 

Negli scorsi giorni, diversi esponenti di primo piano del mondo economico, culturale o politico italiano, come Carlo Cottarelli o Tomaso Montanari, avevano dichiarato la loro indisponibilità a entrare in un Governo Di Maio. Guido Bagatta è un giornalista sportivo diventato poi conduttore TV, diventato celebre per uno stile di conduzione particolarmente istrionico, e attualmente gestisce due società, oltre alla presidenza della squadra di basket di Siena.

Foto copertina: screenshot di Youtube