Hanno incendiato la casa della cognata del direttore di Fanpage

di Redazione | 24/02/2018

incendio fanpage

Incendio doloso al quarto piano di via Sedile di Porto. L’abitazione è quella in cui vive la cognata del direttore di Fanpage, Francesco Piccinini. La testata ha di recente pubblicato una inchiesta che incastra il sistema corruttivo all’interno dello smaltimento di rifiuti in Campania.

LEGGI ANCHE > FANPAGE, L’AGENTE PROVOCATORE E I MAESTRINI DEL GIORNALISMO

Le fiamme – spiega il Mattino – hanno divorato la porta blindata, una parte del corridoio di ingresso, le pareti di fronte. Hanno annerito e reso inservibile la parte iniziale di un’abitazione ma non hanno provocato, fortunatamente, danni alle person.
In casa non era presente nessuno. Del Gaudio ricostruisce per il quotidiano il caso, caso che sarebbe finito comunque sul tavolo della procura, dato l’evolversi dell’inchiesta sui rifiuti.

Siamo in via Sedile di Porto, al quarto piano di uno stabile abitato da persone perbene, tra impiegati,studenti, titolari di bed and breakfast. Nella zona ci sono anche alcune abitazioni occupate di recente, grazie all’incursione di gruppi legati ai centri sociali, al termine di un braccio diferro con i legittimi proprietari, elemento quest’ultimo immediatamente registrato sul taccuino degli investigatori

LEGGI ANCHE > INCHIESTA FANPAGE, CANTONE: «UN SISTEMA ILLEGALE CHE PENSAVO SUPERATO»

Non sono però mai emersi conflitti o minacce nei confronti della famiglia legata al giornalista. Per questo gli inquirenti, è bene sottolinearlo, stanno vagliando tutte le ipotesi in campo. Potrebbe entrarci l’inchiesta condotta dalla testata di Piccinini? In realtà ci sarebbe un’ipotesi, inquietante.  Spiega il Mattino:

Chi ha provocato l’incendio – sembra di capire-potrebbe aver seguito una strategia di basso profilo: avvertire il giornalista con un attentato non plateale, non immediatamente riconducibile all’inchiesta su rifiuti e  tangenti. Una sorta di preallarme, finalizzato a lanciare avvertimenti,magari in vista della pubblicazione di nuovi video, tutti ricavati grazie al ruolo di agente provocatore recitato dall’ex boss Nunzio Perrella. Chi ha incontrato l’ex boss pentito in questi mesi potrebbe aver provato a mandare un messaggio minaccioso al direttore del sito, del tipo: conosco la tua vita, stop con la pubblicazione on line di filmati inediti.

 

(Francesco Piccinini direttore Fanpage in un momento della conferenza stampa nella redazione di Fanpage. Napoli 22 Febbraio 2018. Foto ANSA/CESARE ABBATE)